Centocelle Centocelle / Via Vincenzo Cesati

Centocelle, macchina abbandonata occupa il marciapiede: "Roba da quarto mondo"

Secondo Francesco Corsi del comitato Difendiamo Roma l'auto sarebbe stata spostata sul marciapiede di via Cesati per effettuare dei lavori di sistemazione delle fognature. "Giace davanti a una scuola materna nell'indifferenza delle Istituzioni"

"In via Vincenzo Cesati a Centocelle c’è una macchina abbandonata, con assicurazione scaduta, che giace sul marciapiede di fronte alla scuola materna Tenore nell'indifferenza delle Istituzioni e che quasi impedisce il passaggio. Roba da quarto mondo, anzi Roma da quarto mondo". La segnalazione arriva da Francesco Corsi, esponente del Comitato DifendiAMO Roma ed ex consigliere municipale, il quale fornisce anche una prima ricostruzione della vicenda. 

Secondo Corsi l’auto abbandonata è stata infatti spostata e messa sul marciapiede "dalla stessa ditta che alcuni giorni fa ha ultimato i lavori di sistemazione delle fognature e lì è rimasta. Facciamo un appello affinchè il Municipio si attivi ed intervenga nella rimozione. Il problema delle auto e dei motorini abbandonati nelle strade di Roma è crescente - continua Corsi - e le procedure per il controllo e la rimozione non sembrano essere all'altezza di una metropoli come la Capitale. Nelle periferie poi il degrado cresce anche a causa di questi tristi fenomeni".

Per porre rimedio al problema delle auto abbandonate il Comune di Roma ha attivato un servizio di rimozione che si basa sulle segnalazioni dei residenti. Chiunque può segnalare un veicolo abbandonato inviando una email al Comando Generale del Corpo di Polizia Locale oppure al Gruppo competente nel territorio (i contatti sono reperibili sul sito del Comune o in alternativa telefonando al numero 06.67691). 

"In assenza di elementi identificativi - si legge sulla pagina web di Roma Capitale - il personale operante verbalizza lo stato di abbandono e chiede alla Demolizioni Industriali, società che svolge il servizio di rimozione dei veicoli abbandonati per conto dell’amministrazione capitolina, il conferimento  del mezzo al centro di raccolta".  

Va peggio, paradossalmente, se il veicolo presenta elementi identificativi: in questo caso il proprietario è chiamato a rimuovere il mezzo entro 5 giorni, ma "la notifica del presunto stato di abbandono può essere molto variabile e dilatata nel tempo  per la difficoltà di reperimento del proprietario:  irreperibilità, residenza all’estero, ricoveri ospedalieri prolungati nel tempo, stranieri rientrati nel loro paese di origine o impossibilità di notifica per decesso e assenza di eredi rintracciabili". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centocelle, macchina abbandonata occupa il marciapiede: "Roba da quarto mondo"

RomaToday è in caricamento