CentocelleToday

Centocelle, pubblicato il bando gli spazi di via Fontechiari 35: sarà una ludoteca

L'avviso pubblico arriva a 13 mesi dallo sfratto dell'Alveare

Foto Facebook L'Alveare

A tredici mesi dallo sfratto de L'Alveare il V municipio ha pubblicato il bando per l'affidamento dello spazio di via Fontechiari 35 a Centocelle. L'amministrazione guidata da Giovanni Boccuzzi punta a realizzarvi uno Spazio gioco e cultura in favore di bambini e adolescenti. Un'apertura di 15 mesi stimata dal 1 ottobre 2020 al 32 dicembre 2021 per un costo di 114.558 euro di cui a base d'asta 93.900 più iva 20.658. Sarà possibile un rinnovo di 12 mesi per un importo pari a 75.120 euro. La determina dirigenziale è stata firmata il 28 aprile 2020.

Come si legge nel progetto il municipio pensa a un servizio che si possa riferire a 15 bambini di età compresa dai 6 agli 11 anni. Lo spazio dovrà garantire un'apertura di 3 ore al giorno per 5 giorni a settimana. "Una volta a settimana il centro dovrà attivare un laboratorio integrato per la partecipazione di minori con disabilità a cui dovranno riservare tra i due e i cinque posti. Si potranno prevedere inserimenti di minori con disabilità anche nelle altre attività settimanali purché gli stessi siano provvisti di assistenza personale, o fornita dal municipio (operatori SAISH) o privata, previa valutazione condivisa tra l’équipe della ludoteca e il responsabile del progetto. Nell’ambito di interventi integrati con gli organismi gestori dei servizi di assistenza domiciliare minori, si potranno altresì, prevedere inserimenti di minori su invio del servizio sociale con supporto di personale specifico (operatori SISMIF)".

Il "Polo bambini", si legge ancora nel progetto pubblicato dal municipio, è "articolato sul territorio nelle due ludoteche e nello spazio gioco e cultura oggetto di questo bando di gara, dovrà rappresentare un luogo per lo svago, il divertimento, la socializzazione, l’inclusione e l’educazione di bambini e bambine che opera per la piena attuazione dell’articolo 31 della Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza".

La chiusura del 'coworking con spazio baby' l'Alveare, avvenuta ormai più di un anno fa, aveva suscitato molte polemiche. Non solo perché lo spazio è rimasto vuoto per tanto tempo e lo resterà ancora almeno fino ad ottobre, ma perché il precedente progetto era molto frequentato ed era diventato un punto di riferimento per il quartiere. Ci lavoravano soprattutto donne, alcune delle quali con figli piccoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La notizia del bando è stata commentata così dalle responsabili dell'Alveare: "Tante persone ci stanno contattando per chiederci se parteciperemo. Grazie, ma no, non parteciperemo. L'Alveare è stato un coworking con spazio baby, un luogo di conciliazione per lavoratrici e lavoratori con bebè dai 4 mesi in su, un posto dove sono stati ideati e svulippati progetti sulla genitorialità, sul lavoro in ottica di genere, sull'empowerment femminile. E' diventato in cinque anni uno spazio di riferimento per una comunità variegata e molteplice, nel quale sono nate splendide amicizie e inaspettate collaborazioni. Quante persone meravigliose abbiamo conosciuto. Ora gli spazi sono messi a bando per l'apertura di una ludoteca, un servizio dai 6 anni in su. Cosa altra rispetto ai servizi offerti dall'Alveare. Auguriamo un grande in bocca al lupo a chi deciderà di partecipare, con la speranza che via Fontechiari 35 torni a essere un luogo vissuto dalle famiglie e dal quartiere, dopo 13 mesi di immeritato abbandono". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento