Centocelle Collatino / Viale Giovanni Battista Valente

Nido "Pettirosso", fine delle polemiche: apre l'asilo "Prampolini"

Si chiude il caso sollevato dalla denuncia di Corsi e Santori (Pdl). I bambini del nido Pettirosso di via Valente ora potranno usufruire della struttura Prampolini, originariamente destinata ai privati

Fine delle polemiche per la vicenda dell'asilo nido "Il Pettirosso" di via Giovan Battista Valente. La struttura, al centro di una denuncia alla stampa da parte dei consiglieri Santori (Roma Capitale) e Corsi (municipio Roma VI), sarà spostata nell'adiacente nido "Prampolini". Ricordiamo che nel nido Pettirosso erano state fotografate formiche sul soffitto e sui biberon dei bambini. Dopo una trattativa che ha visto l'impegno in prima linea del presidente del Municipio VII Roberto Mastrantonio, si è ottenuto l'assegnazione della struttura al municipio. Inizialmente il nido Prampolini, attraverso una decisione dell'Assessore Comunale De Paolo, doveva essere assegnato a privati. La spinta del municipio, delle madri e dei consiglieri d'opposizione, coinvolti nel tavolo dallo stesso Mastrantonio, ha portato all'importantissima decisione.

A segnalare la soluzione era stato il comitato di gestione del nido, convocato da Mastrantonio e a cui hanno partecipato anche ai consiglieri Santori e Corsi. Le mamme in quell'occasione rappresentarono il perdurare di una precarietà igienico ambientale nel nido dovuta innanzitutto dalla vetustà dell'immobile, uno dei primi costruiti nel municipio VII e risalente ai primi anni '80. Nel contempo avanzarono la proposta di utilizzare la nuova struttura pronta da mesi e a rischio occupazione, costruita all'interno del complesso Prampolini e situata a meno di 200 metri dal vecchio nido.

Una richiesta, quella del Comitato di Gestione, fatta immediatamente propria dal presidente Mastrantonio sostenuto anche dai "denuncianti", Santori e Corsi.

In poche settimane il Municipio, grazie anche alla caparbietà dell'Assessore ai lavori Pubblici, Mauro Ferrari è riuscito a ripristinare l'impianto termico, che all'indomani della presa in consegna dei locali dall'impresa costruttrice era stato completamente asportato nottetempo da ignoti. Ripristinata l'idoneità dei locali il municipio ha approfittato della sospensione delle attività per le festività pasquali per effettuare il trasloco di mobili e suppelletili e da martedì 10 aprile offrire a mamme e bambini un servizio nuovo di zecca.

"Nei prossimi giorni", ha dichiarato il presidente Mastrantonio, "completeremo la parte esterna del nido con la installazione dei giochi, di un gazebo e delle staccionate per mettere in sicurezza un spazio giardino molto grande e che assolutamente non poteva essere "regalato" a soggetti privati. Una operazione che ancora oggi ci viene ribadita dal direttore del Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici dott. William il quale ci informa che l'operazione messa in piedi dal Municipio, pur lodevole,  è da ritenersi provvisoria e per il solo tempo necessario all'effettuazione dei lavori presso la ex sede di via Valente".


"Ovviamente", ha continuato il presidente Mastrantonio "la continuità del servizio senza la benchè minima interruzione è stato possibile grazie al personale dipendente del nido che ringrazio e confermo che ci opporremo in tutte le sedi a questa operazione " di provvisorietà "  e laddove la giunta Alemanno intenda proseguire nel progetto che vede affidare a soggetti privati una strutture pubblica, lo faccia almeno attraverso quella da ristrutture e soprattutto con il contributo economico del soggetto assegnatario".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nido "Pettirosso", fine delle polemiche: apre l'asilo "Prampolini"

RomaToday è in caricamento