Velletri Piazza Pagnoncelli

Velletri: dopo 4 mesi la voragine di Piazza Pagnoncelli non è stata richiusa

La denuncia arriva da l'esponente del movimento civico Fabio Taddei, che ha denunciato come dal 26 gennaio scorso la voragine della piazza è transennata, ma non chiusa

La voragine di Piazza Pagnoncelli

Lo scorso 26 gennaio un'enorme voragine si aprì in Piazza Pagnoncelli a Velletri, a causa di un cedimento nella parte alta della piazza delle grotte medievali ritrovate in seguito a uno scavo effettuato nell'area. Da quella data la piazza è transennata e recintata, ma nulla è stato fatto dopo 4 mesi per il ripristino del manto stradale della piazza.

A denunciare la mancata manutenzione è stato l'esponente di Patto Popolare per Velletri Fabio Taddei: "Allo stato attuale, ancora oggi ci sono palazzi con garage inagibili in quanto irraggiungibili a causa della piazza delimitata da un recinzione, persone anziane che hanno difficoltà ad uscire di casa visto lo stretto spazio lasciato per passare tra la suddetta  recinzione che delimita lo scavo ed il muro dei palazzi stessi talmente stretto che si passa a fatica con un ombrello aperto, figuriamoci se ci dovesse essere un'emergenza!", denuncia l'ex consigliere comunale.

Numerosi sono i disagi e le lamentele dei residenti e per poter richiedere la voragine si è in attesa delle risultanze dei rilievi effettuati nel mese di marzo dalla Soprintendenza di Roma e del caso di Piazza Pagnoncelli se ne sono occupati anche alcuni consiglieri comunali presentando un'interrogazione in Consiglio Comunale.

"I cittadini sono in attesa ormai da troppo tempo e senza avere nessuna comunicazione - conclude Fabio Taddei - Domanda per l’amministrazione comunale (sindaco, assessore e dirigente): “A quando la soluzione del problema di piazza Pagnoncelli?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Velletri: dopo 4 mesi la voragine di Piazza Pagnoncelli non è stata richiusa

RomaToday è in caricamento