Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Velletri Velletri / Piazza Cairoli

I Castelli Romani celebrano il vino, dopo Velletri e Lanuvio è il turno di Marino

Dopo il grande successo delle sagre di Velletri e Lanuvio nello scorso fine settimana, tocca alla città di Marino celebrare il vino e l'uva con la tradizionale sagra

Autunno, tempo di uva e vendemmia e nei Castelli Romani dove storicamente si produce e beve del buon vino questo è il periodo delle sagre che celebrano il lavoro tradizionale nelle vigne. Se lo scorso fine settimana Lanuvio e Velletri hanno ospitato le loro tradizionali feste dell'uva e del vino, il prossimo week end è dedicato al miracolo delle fontane che danno vino a Marino.

La Festa dell'Uva e del Vino a Velletri

La festa veliterna è stata veramente all’insegna del vino e dell’uva, vantando ben 88 anni di tradizione. Il centro storico, pieno di eventi, è stato invaso da un esercito di appassionati, esperti del settore e semplici curiosi. Da piazza Mazzini passando per Corso della Repubblica e piazza Cairoli fino ad arrivare a piazza Garibaldi, le vie sono state animate da cortei storici e musica. A seguito dei cortei in costume, una volta arrivati a piazza Cairoli, i visitatori hanno potuto assistere alla pigiatura. Ragazze a piedi nudi in costume storico hanno pigiato l’uva in enormi botti poste nella piazza centrale.

Ospite d'onore è stata la Ministra della Difesa Elisabetta Trenta, concittadina veliterna accolta con gioia dal sindaco Orlando Pocci e dal consigliere Mauro Leoni.

“Non potevo mancare a questa edizione della Festa dell’Uva e dei Vini – ha sottolineato dal palco di piazza Cairoli la Ministra, che ha proseguito: “Sono felice di essere qui perchè è la prima Festa dell’Uva alla quale partecipo come ministro di questa Repubblica. Il mio ruolo lo interpreto anche considerando il mio essere cittadina di Velletri. Infatti, pur avendo una delega, quella alla Difesa, che sembra una realtà molto lontana dai comuni, sto già lavorando per tutti voi. Il mio primo progetto è stato infatti l’impiego nei territori comunali degli ausiliari, quei professionisti o militari vicini alla pensione o già in pensione che vogliono essere impiegati per garantire la sicurezza del territorio. Un progetto per cui il Comune di Velletri ha già fatto domanda per essere incluso.  Questo a dimostrazione che al centro della vita delle amministrazioni ci sono i cittadini e tutti, sia i ministri che gli amministratori comunali, possono e devono lavorare insieme per il bene comune. Sono a disposizione di Velletri come lo sono di tutta la Repubblica di cui ho l’onore di essere ministro. E ricordate l’importanza del vino e dell’uva per Velletri, più questa festa attrae visitatori, più il nome di Velletri diventa importante fuori dai nostri confini”

Ed è proprio seguendo questo spirito, sottolineato dal ministro Trenta, e forti delle notevoli presenze di questa edizione appena conclusa, che gli organizzatori sono già al lavoro per preparare l’89esima edizione.

La 94^ Sagra dell'Uva di Marino

Il programma della quasi centenaria sagra è stato presentato ufficialmente in una conferenza stampa a Palazzo Colonna. Accanto agli appuntamenti della tradizione che sono la processione solenne, la rievocazione del ritorno di Marcantonio Colonna in costume rinascimentale, il miracolo delle fontane che danno vino, l’annullo postale gli appuntamenti salienti di questa edizione 2018 che coinvolgeranno il centro storico: “Marino in Mostra” percorso delle eccellenze enogastronomiche del territorio oggetto di riconoscimenti De.Co. e del Marchio Collettivo Figurativo Europeo; la Mostra multimediale “UMBERTO MASTROIANNI tra pubblico e privato” aperta fino al 30 ottobre, a cura dell’Accademia Castrimeniense in collaborazione con il Centro Studi dell’Opera del Maestro nel complesso monumentale del Pio Sodalizio di Arpino e la Fondazione Umberto Mastroianni di Arpino; il Concerto “Pianosofia” Jazz a palazzo del M° Carlo Negroni nella suggestiva cornice del cortile di palazzo Colonna. Non mancheranno le visite guidate curate dall’Archeoclub ai varii Musei del Vino del carretto a vino e dei sotterranei di palazzo Matteotti e palazzo Colonna; lo spettacolo “Labili Essenze”, una rielaborazione del Sogno di Una Notte di Mezza Estate di Shaekespeare ambientata nel verde di Villa Desideri a cura della Compagnia Artemista Teatrarte.

La Sagra si svolgerà per il terzo anno consecutivo anche all’insegna del BERE RESPONSABILE. In considerazione degli accadimenti poco edificanti provocati dall’assunzione sfrenata dell’alcol da parte soprattutto dei giovani durante le ultime manifestazioni della sagra nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 ottobre in piazza della Repubblica sarà presente un gazebo affidato all’Unità di Strada Magliana 80, una cooperativa sociale che lavora a stretto contatto con il SERD di Ciampino e Marino.

La novità di questa edizione riguarda il pagamento del ticket di ingresso alla sagra che potrà essere acquistato on line (link https://www.i-ticket.it/evemeventi/sagra-dell-uva-marino), ma anche sul posto presso le 5 Biglietterie che saranno aperte dalle 9,30 alle 18,00. I costi vanno dai 3 ai 6 euro. Per la sicurezza non si potranno superare le 30.000 presenze e ci sarà un monitoraggio continuo su tutti gli accessi sugli ingressi e sulle uscite.

La Sagra quest’anno più che mai sarà un evento seguito sui Social in quanto è stato aperto in questi giorni il profilo istituzionale in  Istagram  con il lancio di un Contest dedicato ai giovani e agli appassionati che potranno partecipare inviando gli scatti dal 5 all’8 ottobre durante lo svolgimento della manifestazione che sarà seguita anche dagli Yallers del Lazio, giovani comunicatori che saranno presenti a Marino sabato 6 ottobre per raccontare la Sagra in modo innovativo ed originale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Castelli Romani celebrano il vino, dopo Velletri e Lanuvio è il turno di Marino

RomaToday è in caricamento