Velletri

Il raddoppio della linea Ciampino-Velletri: un'opportunità per i trasporti nei Castelli Romani

Torna a farsi forte la proposta di raddoppio della linea ferroviaria Ciampino-Velletri dopo la raccolta firme da parte del Comitato Promotore che ha raccolto nei mesi scorsi oltre 1000 adesioni

Nell'area metropolitana i Castelli Romani rischiano di essere schiacciati da Roma e di vedersi messi in secondo piano per quanto riguarda il trasferimento dei finanziamenti e il doversi sobbarcare i problemi della Capitale come per esempio lo smaltimento dei rifiuti .

I Castelli Romani devono così imparare a fare sistema e proprio a tal fine sedici associazioni, quattro sindacati e più di mille cittadini hanno già aderito alla proposta del raddoppio della linea ferroviaria Ciampino-Velletri. Il comitato promotore è chiaro nei suoi intenti: "Si tratta di fare un binario di 28 km, permettendo così di risolvere il 90% dei disservizi e migliorare la qualità della vita di oltre 220.000 persone".

Il raddoppio dei binari permetterebbe di poter avere un treno ogni 10-15 minuti nelle ore di punta, eliminare il sovraffollamento, ridurre i tempi di percorrenza, assicurare maggiore puntualità e convincere sempre più pendolari a lasciare la macchina a casa.

La linea ferroviaria diventerebbe una vera e propria metropolitana leggera: un importante progetto che vede coinvolte attraverso una campagna di comunicazione anche le istituzioni locali e comprende progetti ampi di riqualificazione urbanistica e di viabilità di alcune stazione come Tor Vergata e Santa Maria delle Mole.

Per il comitato promotore del raddoppio della Ciampino-Velletri "la proposta di raddoppio assume ancora maggior importanza nella prospettiva dei drastici tagli al trasporto pubblico su gomma. Diventa una necessità la nostra proposta di razionalizzazione a vantaggio del trasporto su ferro, eliminando i doppioni per tragitti analoghi su gomma. Questi andrebbero sostituiti con navette verso le stazioni. A esempio gli autobus che fanno l'appia dovrebbero avere il capolinea nella nuova fermata di Santa Maria delle Mole, in questo modo si raggiungerebbe lo stesso risultato con meno chilometraggio”.

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il raddoppio della linea Ciampino-Velletri: un'opportunità per i trasporti nei Castelli Romani

RomaToday è in caricamento