Velletri Piazza Cairoli

Acqua all'arsenico: " A Velletri non pagate le bollette!"

Il Comitato Acqua Pubblica di Velletri si mobilita per il caso dell'acqua all'arsenico e chiede ai cittadini di sospendere il pagamento delle bollette dell'Acea

Ieri si è tenuta l'assemblea del Comitato Acqua Pubblica di Velletri, convocata d'urgenza nei giorni scorsi per affrontare l'emergenza arsenico e ricostruire l'intera vicenda dell'acqua all'arsenico, visto che per almeno sei anni le istituzioni pubbliche e il gestore Acea non hanno adeguatamente affrontato il problema.

La contaminazione delle acque di Velletri era infatti ben nota fin dal 2004, quando il Comune di Velletri comunicò ufficialmente la non potabilità delle acque alla Asl e all'Ato 2. In questi sei anni sarebbe stato possibile intervenire, ripristinando la potabilità dell'acqua, riportando il contenuto di arsenico sotto i 10 microgrammi litro stabiliti dalla legge 31 del 2001.

Il Comitato Acqua Pubblica di Velletri  ha deciso di avviare diverse azioni a tutela della cittadinanza: primo fra tutti la sospensione del pagamento della bolletta. Inffatti i cittadini veliterni sono invitati a sospendere i pagamenti delle bollette, versando il solo canone, fino al completo ripristino nell'intero territorio comunale della potabilità dell'acqua.

"In situazioni come queste i più colpiti sono gli anziani, le famiglie monoreddito, i precari, i disoccupati - spiega il comitato in una nota di stampa - Appare, dunque, non più accettabile pagare per un servizio pessimo, con acqua non potabile, con turni anche invernali della distribuzione idrica e con una tariffa che non risponde a quanto era stato stabilito nei patti contrattuali".

L'assemblea del Comitato acqua pubblica denuncia inoltre che ad oggi nulla si sta facendo per fornire acqua potabile almeno ai bambini da 0 a 3 anni, azione ritenuta prioritaria dalla Commissione europea e dallo stesso ministero della salute.

"Ci chiediamo quanti bambini stanno oggi assumendo (ovvero bevendo o usando per la preparazione degli alimenti) acqua con un contenuto di arsenico superiore ai 10 microgrammi litro, soglia considerata da tutti, è bene ripeterlo, come limite massimo per la popolazione fino a tre anni. A questo numero va aggiunto quello delle donne in gravidanza, altra categoria a rischio".

L'assemblea ha  espresso piena fiducia nella magistratura di Velletri, che da tempo sta conducendo delle indagini sulla gestione idrica, come ha dichiarato recentemente il Procuratore Piro. Il comitato acqua pubblica di Velletri attiverà lo sportello per le informazioni e per aiutare i cittadini a contestare questa gestione presso il dopolavoro ferroviario di Velletri, a partire dal prossimo venerdì, dalle ore 16 alle ore 19.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua all'arsenico: " A Velletri non pagate le bollette!"

RomaToday è in caricamento