Mercoledì, 4 Agosto 2021
Castelli Piazza Costituente

Rifiuti nei Castelli Romani: SEL propone la sua idea

Ieri Sinistra e Libertà del Lazio ha tenuto il primo incontro sui rifiuti nei Castelli Romani per illustrare problemi e soluzioni con esperti del settore ed esponenti politici

"Se i rifiuti diventano risorse": questo è il titolo dell’assemblea pubblica che  Sinistra e Liberta del Lazio ha tenuto ieri presso la sala Formazione del Comune di Albano Laziale. Un primo importante passaggio nei Castelli Romani sul tema dei rifiuti e la loro gestione, tema critico per molte amministrazioni e particolarmente sentito dai cittadini e dai territori.

L’incontro, oltre a far chiarezza su alcuni aspetti tecnici in materia di raccolta differenziata e compostaggio, grazie all’intervento di professionisti esperti della materia, ha anche permesso di illustrare la visione del problema rifiuti da parte di SEL.

Dall'incontro è emerso quanto sia necessario uscire dal considerare i rifiuti un problema e un'emergenza per arrivare a considerarli una risorsa con l'attivazione di un ciclo di raccolta differenziata virtuoso che  spesso  incontra ostacoli polici e amministrativi.

Antonio Rugghia, deputato del Partito Democratico e presidente della Commissione bicamerale del ciclo dei rifiuti, ha sottolineato quanto preoccupante e anche determinante sia il peso della criminalità organizzata nella gestione dei rifiuti, ponendo l’attenzione al rischio di infiltrazioni malavitose anche nel Lazio.

Per la gestione dei rifiuti, è emerso durante l'incontro, non sono le soluzioni tecniche che mancano, ma è la mancata risoluzione di problemi che sono a monte: ovvero le scelte politiche.

"L'opportunità rifiuti”  secondo Sinistra e libertà, si costruisce attraverso un processo culturale non limitato alla sola raccolta differenziata ma che tenga conto dell’intero sistema, definendo le priorità, analizzando soluzioni, e misurandone il successo in termini di quantità di materiali che rientrano nel ciclo produttivo e non semplicemente di quelle differenziate. Infine, considerare l’intero ciclo di vita dei prodotti, non fermandosi solo alle fasi precedenti alla prima commercializzazione, vorrebbe dire saper cogliere opportunità occupazionali e professionali che ne derivano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti nei Castelli Romani: SEL propone la sua idea

RomaToday è in caricamento