Giovedì, 5 Agosto 2021
Grottaferrata piazzetta Eugenio Conti

Maurizio Scardecchia: "Grottaferrata tornerà a essere una città allegra"

E' il candidato sindaco del Movimento 5 stelle di Grottaferrata. Nel suo programma elettorale punta tutto sulla trasparenza e la partecipazione popolare nelle scelte amministrative

Maurizio Scardecchia candidato sindaco del Movimento 5 stelle

Partecipazione popolare, trasparenza, taglio agli sprechi della spesa pubblica e soprattutto allegria: sono questi gli intenti della campagna elettorale del Movimento 5 stelle di Grottaferrata che schiera come proprio portavoce e candidato sindaco Maurizio Scardecchia.

Il Movimento 5 stelle è la novità di queste elezioni a Grottaferrata. Cosa portate di nuovo nella politica della vostra città?

Vorrei riportare un po' di normalità e di trasparenza sulla gestione e i controlli sui tributi sia da pagare e troppo spesso anche da incassare. Vorrei dare un esempio di equità nelle retribuzioni dell'amministrazione comunale in modo che lo stipendio dei nostri dirigenti non superi di più del doppio quello dei dipendenti, naturalmente il tutto partirà dal primo Cittadino, Inoltre i nostri Consiglieri rinunceranno ai loro gettoni di presenza perché consideriamo un onore far parte della classe dirigente di questa ex meravigliosa città. I soldi raccolti verrano versati in un fondo e messi a disposizione e utilizzati seguendo le direttive dettate dalla nostra cittadinanza, ma soprattutto vorrei che i diritti siano più calati dal cielo, ma fossero la quotidianità. Non abbiamo la presunzione di avere sempre una soluzione giusta per ogni occasione ed è per questo che per progetti importanti adotteremo la formula del referendum propositivo popolare.
 
Dell'azione amministrativa della giunta guidata da Mori cosa salvate e cosa invece rottamate?

Non voglio giudicare l'operato del Sindaco Mori perché risulterebbe facile soprattutto adesso che ha perso la leadership, ma gli rimprovero di averci fatto perdere un anno in un momento così delicato lasciandoci nelle mani di un Commissario che tra le altre cose non ha pensato a una ordinaria gestione, ma ha deliberato concessioni edilizie, nuovi contratti sulla raccolta differenziata per esempio e sicuramente condizionerà l'operato di chi sarà il prossimo Sindaco di Grottaferrata.
 
Rilancio del turismo, tutela delle aree protette e del Tuscolo sono temi importanti per Grottaferrata voi cosa proponete?
 
Per rilanciare il turismo e l'economia cercheremo di ridare allegria a una città ormai triste da troppo tempo, la trasformeremo nell'élite dei Castelli Romani e quindi non sarà mai piu' l'opaca succursale di un paese limitrofo o la scelta ultima rispetto a un centro commerciale. Per riportare un maggior numero di turisti e acquirenti in controtendenza con le cittadine vicine, adotteremo il sistema del parcheggio a disco orario con l'inserimento della targa, limitando al massimo le zone a pagamento che torneranno a costare 0,50 euro l'ora con la possibilità dell'integrazione e non della multa.

La nostra linea sarà quella di promuovere percorsi turistici/culturali con visite guidate all'Abbazia e alle Catacombe e percorsi naturalistici e storici sempre tramite gruppi organizzati che riportino alla ribalta il Parco Archeologico del Tuscolo, rivalutando gli scavi archeologici oggi in condizioni imbarazzanti. Inoltre organizzeremo eventi periodici come mostre, concerti, rappresentazioni teatrali, mercati a Km0 ed in estate cinema all'aperto, ma soprattutto rilanceremo la Fiera Nazionale riportandola ai fasti di un tempo, sviluppandola lungo le vie del centro coinvolgendo tutto il tessuto commerciale e cittadino e tutto questo lo faremo con le nostre forze e con l'aiuto dei nostri ragazzi e di tutte le associazioni presenti sul nostro territorio. La Società Fiera di Roma torni pure nella Capitale.

Poi voglio rassicurarvi, Grottaferratesi state tranquilli perché l'incubo della Città del Libro sarà un lontano ricordo, questo non vuol dire che non siamo per la cultura, anzi! Siamo contrari agli sperperi finanziari. Per quanto riguarda l'ambiente e lo sfruttamento del territorio, voglio garantirvi che combatteremo l'ipocrisia che ha permesso un milione di metri cubi di cemento solo negli ultimi 20 anni. Prima le urbanizzazioni poi forse tutto il resto, quindi evidenzieremo i diritti e boigotteremo con tutte le nostre forze le folli speculazioni edilizie che porterebbero al collasso un territorio sfornito di servizi e saturo di cemento.
 
Mettiamo il caso che vincerà le elezioni. Primi 100 giorni di amministrazione. Cosa farà appena eletto sindaco?

Il primo giorno smonteremo tutte le porte degli uffici di rappresentanza, perché il tutto a tutti dovrà risultare trasparente. Cominceremo con due referendum popolari per conoscere il sito dove poter realizzare l'isola ecologica cosa dobbiamo farci con l'ex Bazzica. Forniremo più ipotesi e infine i cittadini ci indicheranno tramite la loro scelta la giusta via da seguire.
Faremo un censimento delle urbanizzazioni più urgenti da eseguire, manti stradali, marciapiedi, illuminazione pubblica  per poi preparare urgentemente bandi e gare per gli appalti per le assegnazioni e realizzazioni urgentissime, perché il decoro di una città lo consideriamo il nostro pane quotidiano. Naturalmente il tutto partirà da uno studio attento della situazione finanziaria ereditata.
 
Infine  mi rivolgo ai miei concittadini: voto e rappresento il Movimento 5 stelle con fierezza convinto che il mio destino e quindi anche il vostro lo cambieremo insieme e definitivamente
consapevoli che i frutti di questo nostro lavoro se cominceremo da subito troveranno delle risposte concrete e con servizi a 5 stelle.
 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maurizio Scardecchia: "Grottaferrata tornerà a essere una città allegra"

RomaToday è in caricamento