CastelliToday

Grottaferrata: sbancamenti sospetti sul Tuscolo, parte la denuncia

Le associazioni ambientaliste di Grottaferrata hanno presentato un esposto ai Carabinieri per denunciare dei sbancamenti sul versante agricolo del Tuscolo, forse per realizzare una piscina

I lavori in corso sul Tuscolo

Le associazioni ambientaliste di Grottaferrata, nonostante le ferie estive, sono sempre vigili sul territorio per denunciare eventuali abusi e prevenire danni al paesaggio: così i gruppi  “Il Piccolo Segno”, “Italia Nostra” e l'associazione grottaferratese “U Lengheru Neru”, hanno presentato un esposto su alcuni sbancamenti sospetti sul Tuscolo, nella zona agricola, dove sembra in corso la realizzazione di una piscina, come testimoniato da alcune foto.

Le associazioni chiedono alle autorità competenti una verifica circa la regolarità dell'opera; se questa era prevista nel progetto iniziale dell'azienda agricola dove si stanno effettuando i lavori o se è stata realizzata, ed eventualmente autorizzata, successivamente.L'esposto è stato presentato ai Carabinieri di Grottaferrata, al Corpo Forestale dello Stato, al Comune di Grottaferrata e al Parco dei Castelli Romani, invitando le autorità di Polizia Giudiziaria ad intervenire.

 

“Siamo preoccupati -  afferma Andrea Sebastianelli direttore del Piccolo Segno, piccolo periodico locale - del fatto che si continuano a realizzare opere in cemento sul Tuscolo uno dei luoghi simbolo dei Castelli Romani e plurivincolato. Non sappiamo se l'intervento sia stato autorizzato, chiediamo soltanto che l'autorità giudiziaria verifichi questo fatto.”

Della stessa opinione gli esponenti delle altre due associazioni che guardano alla cementificazione continua come a un vero e proprio stillicidio per i Castelli Romani, già da tempo colpiti da deficit idrici, dove i paesaggi più belli sono colpiti dalla speculazione edilizia. Gli attivisti ricordano come il Piano di Utilizzazione Agricola del Tuscolo sul versante del Comune di Grottaferrata, suscitò enormi polemiche tanto "che oltre 500 cittadini manifestarono contro quello che fu ritenuto un vero e proprio attacco al paesaggio e all'ambiente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento