CastelliToday

Grottaferrata: la vecchia biglietteria del tram abbandonata e nel degrado

Posta all'ingresso della città di Grottaferrata sulla Via Anagnina la struttura ora di proprietà della Cotral era la vecchia biglietteria del tram. Abbandonata e fatiscente da tempo se ne chiede il recupero

Il gabbiotto della Cotral tra via Anagnina e Via Dusmet

Per chi vive a Grottaferrata è ormai diventato il gabbiotto degli orrori, per chi arriva nella città di San Nilo dall'Anagnina è una delle tante strutture abbandonate e degradate: stiamo parlando dell'ex biglietteria della linea tramviaria dei Castelli, ora di proprietà della Cotral, che da anni sul bivio della Via Anagnina con Via Dusmet dà mostra di sé ricoperta di manifesti e graffiti.

Da tempo diverse realtà associative e singoli cittadini hanno posto all'attenzione della proprietà della struttura, la Cotral spa, lo stato di abbandono in cui versa chiedendone il recupero e la messa a servizio della comunità.

Recentemente proprio la Cotral ha permesso tramite appositi finanziamenti di rinnovare e migliorare le aree di attesa delle fermate in diversi comuni con nuove pensiline, perché non intervenire anche sulle strutture che un tempo erano stazioni e biglietterie?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da ormai due anni, Andrea Cherubini, che vive a Grottaferrata sta cercando da semplice cittadino di porre la questione della fatiscenza del gabbiotto di Via Anagnina alla Cotral senza mai ricevere un riscontro:  "Sono convinto che la struttura possa essere recuperata e possa diventare, al pari degli hotel, la reception della città - ci spiega con convinzione Andrea -  un centro di problem solving dove farsi consegnare la posta, i pacchi, le chiavi, la spesa, le medicine e poi ritirarle una volta tornati a casa dal lavoro. Si può creare una sorta di pronto intervento per la casa (con numeri di vari professionisti, come idraulici, elettricisti, giardinieri), per gli anziani, un banco alimentare come nel caso di "Portineria 14", best practice nella città di Milano. Le idee di recupero possono essere tantissime!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento