menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Albano Laziale: l'albero dei giusti in memoria di Cesare e Teresa Durante

Il Sindaco Nicola Marini ha inaugurato questa mattina una targa e il mosaico “L’Albero dei Giusti”, realizzato dall’artista Claudia Romanelli, in memoria di Cesare e Teresa Durante, che durante la guerra salvarono diversi cittadini ebrei

Cesare e Teresa Durante sono due cittadini di Albano Laziale che nel terribile periodo della Shoah riuscirono a nascondere e a proteggere a casa propria 22 ebrei dal 16 ottobre 1943 al 10 febbraio 1944. L'amministrazione comunale ha voluto ricordare questa eroica famiglia intitolando loro una targa e il mosaico “L’Albero dei Giusti”, realizzato dall’artista Claudia Romanelli.

La casa della famiglia Durante a Piazza della Rotonda

La targa e il mosaico sono stati posizionati presso l’edificio dove i coniugi risiedevano. Hanno presenziato alla commemorazione il Presidente dell’Associazione “Famigliari Vittime dei Bombardamenti di Propaganda Fide”, Ada Scalchi, co-organizzatrice dell’iniziativa; Yael Franzone in rappresentanza della Comunità Ebraica; Sergio Durante figlio di Cesare e Teresa; Rina e Lina Pavoncelli che furono ospitate dalla famiglia Durante; il Preside del Liceo Classico “Ugo Foscolo”, Lucio Mariani, con cui l’Amministrazione Comunale organizza il Viaggio della Memoria.

Presenti anche gli studenti delle scuole superiori

Il primo cittadino prima dell’inaugurazione, di fronte agli studenti delle scuole superiori del territorio, ha commentato: "È importante che stamattina ci siano anche i ragazzi, perché rappresentano il futuro. Esistono uomini determinati e profondamente convinti delle loro idee, che quotidianamente fanno piccole ma dirompenti atti che poi assumono il sapore dell’atto eroico. Cesare e Teresa Durante con il coraggio e la determinazione hanno compiuto gesti eroici da uomini normali, da uomini che basano la propria esistenza su due unici valori: l’uguaglianza e la giustizia. Perché non c’è nulla di più straordinario – ha concluso il Sindaco Nicola Marini – di rispondere a momenti storici cupi, con piccoli ma dirompenti atti, atti giusti e profondi, atti di vita, atti di unione, atti di uguaglianza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento