Albano Via Roncigliano

Inceneritore di Albano: depositato il primo ricorso presso l'Unione Europea

I comitati No Inc che da anni lottano contro la costruzione dell'inceneritore di Albano hanno presentato il primo ricorso presso gli organi di giustizia europea per valutare se le procedure di affidamento dei lavori e dei fondi siano corrette

Un momento di un corteo no inc ad Albano

Primo passo dei Comitati No INC di Albano per cercare di ottenere il blocco della costruzione dell'impinato di termovalorizzazione di Albano dagli organi di giustizia sovranazionali. E' stato infatti depositato il primo ricorso presso la Corte di Giustizia dell’Unione Europea che punta il dito sull'assenza delle prescritte gare d’appalto pubbliche (europee e nazionali), sulla  violazione delle norme sulla concorrenza e sulla richiesta illegittima di contribuzione pubblica tramite Cip 6 e certificati verdi.

L'allora presidente Piero Marrazzo nel dicembre del 2007 affidò al Co.E.Ma del gruppo Cerroni l'affidamento diretto di costruzione dell'inceneritore di Albano senza nessuna gara d'appalto pubblica a livello europeo, come richiesto dalla normativa vingente e nell'anomalia tutta italiana si  erano assegnati come fondi per la costruzione dell'impinato i Cip 6, ovvero una somma che arriva dal 7% delle bollette elettriche che la UE destina per le energie rinnovabile da cui però, dal 2008, sono esclusi proprio i termovalorizzatori.

I comitati No Inc chiedono agli organi di giustizia europei di verificare se le procedure siano state corrette: " Con quali modalità d’affidamento è stato assegnato l’incarico relativo alla costruzione dell’inceneritore di Albano? Su quali presupposti, chiediamo ancora, tutti i soldi pubblici Cip 6 (necessari a costruire l’impianto di Albano) e tutti i soldi pubblici dei certificati verdi (per l’energia elettrica prodotta dall’impianto) sono stati richiesti presso il Gestore del Servizio Elettrico Nazionale?"

Questo primo ricorso europeo per violazione delle direttive comunitarie e delle norme nazionali in tema di gare d’appalto, concorrenza pubblica e contribuzione pubblica  verrà depositato, inoltre, contestualmente, sotto forma di esposto, anche presso l’Autorità Nazionale di Vigilanza sui Lavori Pubblici e all’Agenzia Nazionale sulla Concorrenza.

"Restiamo in attesa, inoltre, di conoscere - dice Daniele Castri referente legale del Comitato No Inc - sia l’esito della denuncia penale nei confronti del Ministro Clini, per la violazione del segreto della camera di consiglio e abuso d’ufficio, spostata, per competenza, dalla Procura di Roma al Tribunale dei Ministri; sia l’esito della denuncia penale nei confronti di alcuni dirigenti della Regione Lazio per omissione e falso in atto pubblico ed abuso di potere e d’ufficio depositata, alcune settimane fa, presso gli organi competenti della Procura di Roma".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inceneritore di Albano: depositato il primo ricorso presso l'Unione Europea

RomaToday è in caricamento