CastelliToday

Albano: parte la differenziata nel centro storico, ieri notte assalto agli ultimi cassonetti stradali

Come successo a Pavona e Cecchina, la sera prima dell'avvio della raccolta differenziata, gli ultimi cassonetti stradali sono stati presi letteralmente d'assalto con rifiuti di ogni tipo

I cassonetti del centro storico di Albano ieri sera

Ci sono volute diverse ore questa mattina, con un intenso lavoro degli operatori Volsca, per liberare le strade del centro storico di Albano dalle tonnellate di rifiuti che molti residenti hanno deciso di buttare in una sola sera negli ultimi cassonetti stradali rimastri ad Albano prima dell'odierna rimozione per l'avvio della raccolta differenziata porta a porta.

Come già successo alcuni mesi fa a Pavona, frazione di Albano, l'avvio della raccolta differenziata porta a porta ha avuto l'effetto di "svuota cantine" con ogni tipo di rifiuto (anche ingombrante) buttato negli ultimi cassonetti stradali, anzi alcuni di questi sono stati anche incendiati. Immagini di cassonetti stradali ricolmi di tutti ad Albano non se ne vedranno più visto il completamento dell'estensione del servizio del porta a porta su tutto il territorio comunale, anche se permane e il rischio alto del fenomeno dell'abbandono dei rifiuti specie ingombranti per le strade. La "lobby degli incivili" è sempre in agguato.

Luca Andreassi, consigliere comunale delegato ai rifiuti, che da tre anni ha dato anima e lavoro per completare il porta a porta ad Albano ha scritto sui social network alcune riflessioni a compimento del suo progetto: "Si tratta del compimento di un progetto faticoso che ha cambiato completamente il volto della nostra città per quanto riguarda la gestione dei rifiuti. Progetto faticoso se si pensa da dove siamo partiti e da quanto lontani si fosse da una visione ecosostenibile della nostra città. Progetto faticoso per la complessità della nostra città, di fatto costituita da 5 nuclei abitati con caratteristiche gli uni diversi dagli altri. Progetto faticoso per incidenti di percorso, indipendenti dalla nostra volontà, come l'ultimo incendio presso l'impianto di Roncigliano".

"Progetto portato a compimento grazie alla volontà del Sindaco e dell'Amministrazione, all'impegno indefesso dell'Ufficio Ambiente (prima con Federica Giglio poi con Simonetta Lucci) e della Volsca Ambiente e Servizi. Oggi è l'alba di un nuovo giorno per la nostra città. Bisogna lanciare il cuore oltre l'ostacolo verso nuovi e più alti obiettivi. Penso alla riduzione ed al Progetto europeo Urban wins, penso al riuso e alla crezione di un stazione di riuso della nostra città, penso alla informatizzazione della gestione dei rifiuti, penso alla tariffa puntuale. E a molto altro ancora".

"Quando si concludono progetti così impegnativi è, però, sempre utile se non necessario fermarsi un attimo, ragionare sul passato e scrivere il futuro. Individuando al contempo le persone più adatte, per competenze ed entusiasmo a raggiungere questi nuovi e più prestigiosi traguardi. Da parte mia, oggi, mi limito a dire un grazie di cuore alle persone che mi sono state vicino in questi anni di lavoro duro e spesso oscuro, che mi hanno spportato e supportato. Grazie", conclude Andreassi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento