Albano Corso Matteotti

Il Tar del Lazio dice NO all'inceneritore di Albano

La notizia è giunta in tarda serata: il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi presentati dal comitato No Inc contro la costruzione del contestato inceneritore di Albano

Nella giornata di lunedì 13 il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi presentati dal Comitato No inc contro la costruzione del contestato inceneritore di Albano.

Il Tar ha annullato la Via, la valutazione di impatto ambientale, che dava l'inizio alla costruzione dell'impianto con non poche controversie politiche per il rilascio dell'autorizzazione da parte della giunta regionale allora guidata da Piero Marrazzo.

La notizia del pronunciamento del Tar si è diffusa solo nella serata di oggi quando è stato avvertito il comitato No Inc del giudizio.

Sono stati accolti oltre al ricorso principale anche quelli secondari che mettevano in discussione il progetto dell'inceneritore progettato con raffreddamento ad aria e non ad acqua, visto il grave deficit idrico della zona.

Ricordiamo che insieme ai ricorsi dei comitati erano stati presentati ad adiuvandum i ricorsi delle amministrazione comunali coinvolte nell'impianto, primo fra tutti il comune di Albano che ha espresso tutta la sua soddisfazione per un vero lavoro di squadra.

La notizia del No all'inceneritore da parte del Tar si è subito diffusa tramite il tam tam di facebook e le catene di sms in serata alle ore 22 comitati No Inceneritore e i cittadini sono scesi in piazza sotto il palazzo comunale per festeggiare e diffondere la notizia alla cittadinanza.

Leggi la sentenza del Tar

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar del Lazio dice NO all'inceneritore di Albano

RomaToday è in caricamento