Albano Via G. Rossini

Albano: donne e uomini in silenzio per dire no alla violenza di genere

Tanti cittadini e cittadine si sono ritrovate venerdì pomeriggio davanti alla scuola Rossini per ricordare Carmela Mautone, uccisa dal marito, e dire no alla violenza sulle donne

Un momento della fiaccolata in ricordo di Carmela Mautone (foto da Facebook)

L'uccisione di Melina ha commosso la comunità dei Castelli Romani che si è data appuntamento ad appena 48 ore dall'omicidio sul luogo del delitto per ricordarla e ribadire con forza il no a ogni forma di violenza contro le donne. Erano tanti le donne e gli uomini che con un tam tam sui social network si sono raccolti sul marciapiede davanti alla scuola elementare di Albano portando fiori e candele.

 "Una donna muore ogni volta che un piccolo uomo usa la violenza per sentirsi grande" è lo striscione lasciato dalle donne di Albano ed esposto durante la toccante commemorazione e che ora è affisso sul muretto accanto al marciapiede dove Carmela Mautone ha trovato la morte per mano del marito.

Melina, anni fa, era riuscita a sconfiggere un tumore al seno e si era impegnata poi nell'associazione Andos per la prevenzione e l'assistenza alle donne malate. Aveva sconfitto un mostro dentro di sé, ma non era riuscita a proteggersi dal male dell'uomo che doveva proteggerla e amarla.

Toccante il ricordo lasciato dall'Associazione Andos e dalle tante donne che avevano conosciuto Melina nei momenti difficili della malattia: "La nostra piccola Rondine, grande Donna e Mamma Melina....non vogliamo dirti addio, il tuo nido è nei nostri cuori. Un silenzio interminabile e poi un applauso pieno di amore per te Melina, sei stata e continui ad essere un esempio per noi, per chi lotta per strappare giorni e momenti alla vita, per non arrendersi alla malattia e al dolore, una vera Donna A.N.D.O.S., una VERA DONNA".

"Abbiamo vissuto con te i giorni e gli anni difficili con la gioia di vederti rifiorire a poco a poco, condividendo tutto, edificate dal tuo amore e attaccamento alla vita e alla famiglia, dal tuo amore per l'insegnamento tanto da portare a termine gli studi tra mille difficoltà. Ci manchi, ci mancherà la tua presenza fisica. Resterai una Rondine speciale a solcare il nostro cielo. Grazie per la tua testimonianza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albano: donne e uomini in silenzio per dire no alla violenza di genere

RomaToday è in caricamento