Sabato, 19 Giugno 2021
Albano Piazza Costituente

Discarica di Roncigliano: ieri la conferenza dei servizi sull'inquinamento delle falde acquifere

Ieri presso Palazzo Savelli si è svolta la conferenza dei servizi per discutere dell'inquinamento delle falde acquifere sottostanti chiedendo nuovi accertamenti. Sotto il Palazzo sit-in del Comitato No Inc

Il sit-in del Comitato No inc sotto Palazzo savelli

La discarica di Roncigliano è sempre un tema caldo per Albano e ieri Palazzo Savelli è stato il teatro di una conferenza dei servizi incentrata sulle problematiche riguardanti la falda acquifera sottostante la discarica di Roncigliano.

La conferenza si è resa necessaria dopo che l'Arpa Lazio aveva riscontrato alcuni valori fuori norma su alcuni prelievi effettuati tramite i pozzi spia della discarica, a seguito di questi risultati la Provincia di Roma aveva diffidato la Pontina Ambiente individuando la discarica come origine dell’inquinamento della falda acquifera e, contestualmente, dando al Comune di Albano la responsabilità dell’iter amministrativo della bonifica, la cui competenza spetta però alla Regione Lazio.

La conferenza, a cui hanno preso parte Arpa Lazio, Asl Rm H, Comune di Albano, Comune di Pomezia, Comune di Ariccia e Pontina Ambiente; assenti Provincia, Regione e XII circoscrizione di Roma, ha condiviso una comune linea di azione: i Comuni territorialmente interessati richiederanno a Provincia e Regione la caratterizzazione geologica e idrogeologica, indispensabile e necessaria per capire con certezza la situazione della falda, l’eventuale inquinamento e le responsabilità. Una volta ottenuta la caratterizzazione e conclusioni certe, solo allora gli enti interessati potranno intervenire in base alle proprie competenze.

Sul fronte del comitato No Inc continuano le azioni dimostrative: lo scorso 3 Febbraio è stato organizzato un sit in all'entrata della discarica per bloccare gli autocompattatori durante la mattinata come azione dimostrativa contro il collaudo del VII invaso.

Ieri è stata la volta del sit-in sotto Palazzo Savelli per sollecitare le amministrazioni coivolte nella conferenza dei servizi a dare risposte certe sul destino della discarica. I manifestanti chiedevano di prendere parte all'incontro tecnico e la richiesta di far partecipare due delegati nella riunioni non è stata accetata dal coordinamento che ha continuato il suo sit-in di protesta. Intanto il Comitato ha lanciato una raccolta pubblica di fondi per raccogliere la cifra di 2mila euro per proseguire la sua battaglia legale contro la discarica e l'inceneritore.

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discarica di Roncigliano: ieri la conferenza dei servizi sull'inquinamento delle falde acquifere

RomaToday è in caricamento