rotate-mobile
Albano

Bombe a Castel Gandolfo: fatti brillare i due ordigni bellici

I due potenti ordigni erano stati ritrovati qualche settimana fa sulle sponde del lago Albano durante la maxi bonifica disposta dalla Regione Lazio

Ai Castelli è stata la mattinata delle due grosse bombe della II guerra mondiale. Sono stati fatti brillare infatti oggi i due potenti ordigni ritrovati qualche settimana fa sulle sponde del lago Albano durante la maxi bonifica disposta dalla Regione Lazio.

Per consentire la messa in sicurezza dei due ordigni è stato necessario evacuare buona parte del centro storico di Castel Gandolfo e del palazzo pontificio.Un’operazione, questa, che fin dalla prime ore della mattinata ha impegnato un centinaio di operatori delle forze dell’ordine. Cinquecento le persone evacuate tra residenti e addetti alle attività commerciali, mentre dalla residenza estiva dei pontefici, comunque già sguarnita per l’assenza di papa Francesco, sono usciti una decina di dipendenti.

Il traffico ferroviario e quello aereo sono stati interdetti fino a mezzogiorno, quando gli artificieri del 6 reggimento Genio Pionieri di Roma guidati dal primo maresciallo Roberto d’Alterio, hanno terminato la delicatissima fase di despolettamento dell’ordigno inglese e avviato il trasporto nella vicina cava di Ciampino.

Bombe a Castel Gandolfo

L'ordigno più pericoloso, quello armato, dal peso di 125 chilogrammi era stato sganciato da un bombardiere inglese nel 1944. L’altro di fabbricazione italiana, senza innesco, fu requisito dai tedeschi al nostro esercito nei giorni seguenti all’armistizio dell’8 settembre. Durante la bonifica di qualche mese fa disposta dalla Regione Lazio sono stati recuperati oltre quattromila pezzi tra bombe a mano e da sgancio e proiettili di artiglieria.

Le operazioni di oggi sono state coordinate dal vice prefetto Oricchio e condotte direttamente dal comandante del Sesto reggimento Genio Pionieri Giuseppe Dimauro e del responsabile Genieri Maurizio Todaro.

MERIDIANOTIZIE

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bombe a Castel Gandolfo: fatti brillare i due ordigni bellici

RomaToday è in caricamento