Albano Piazza Costituente

Albano, Marini: "Nel bilancio abbiamo dato spazio più alle persone che alle cose"

Nella giornata di giovedì in una sala con tanti cittadini si è svolto il primo incontro tra i cittadini e l'amministrazione comunale per discutere del bilancio appena approvato. Tanti i fondi stanziati per le politiche sociali

Un momento dell'assemblea pubblica

Tanti cittadini, due ore e più di dibattito per discutere del bilancio comunale insieme al sindaco di Albano Nicola Marini e al neo assessore al bilancio Andrea Marconi nella prima assemblea pubblica indetta per illustrare gli aspetti salienti del bilancio previsionale da poco approvato.

Il sindaco Marini ha illustrato come i comuni devono far fronte ai tagli sempre più ingenti imposti dal governo nazionale per poter far fronte alle richieste di stabilità della finanza pubblica che ha previsto per gli enti locali un taglio dei trasferimenti pari a quasi 15 miliardi di euro. Una situazione che si ripercuote sui comuni che sono gli enti di prima istanza più vicini ai cittadini.

La finanziaria in vigore ha imposto ai comuni i tagli in tre settori precisi i servizi sociali, i trasporti e la cultura: "Abbiamo tagliato le indennità del 10%, come per le consulenze per cui il taglio è stato dell'80%, abbiamo risparmiato sull'intrattenimento offrendo un servizio di qualità per Albano Estate, ma abbiamo dovuto rinunciare alla Notte Bianca"

"Contiamo di recuperare risorse con la lotta all'evasione fiscale sulle tasse comunali, il taglio degli sprechi e contiamo di risparmiare nella gestione delle opere già iniziate", ha continuato il sindaco.

"Abbiamo deciso di privilegiare nel bilancio i servizi sociali e alla persona. In un periodo di aumento della povertà, di crisi economica grave e di continui tagli statali sul sociale, abbiamo ritenuto fosse giusto da parte del Comune restare vicino alle fasce più deboli della popolazione, trascurando sicuramente qualche altro settore, come ad esempio il verde pubblico, su cui però interverremmo nel prossimo futuro. La cosa peggiore che si possa fare, quando i soldi sono pochi, è non scegliere e tagliare orizzontalmente a tutti i settori allo stesso modo. Noi, invece, delle scelte le abbiamo prese. Magari sbagliate, magari non condivisibili ma sono scelte che hanno messo le persone al centro della nostra attività amministrativa".

L'assemblea pubblica sul bilancio è stata anche l'occasione per il debutto del nuovo assessore al bilancio Andrea Marconi che ha illustrato le sue prospettive per mantenere l'equilibrio di bilanci con “un costante ed attento monitoraggio sull’impiego delle risorse economiche, umane e strumentali da una prima ricognizione. Dai dati, in linea di massima il bilancio comunale non presenta preoccupazioni, ma non altrimenti può affermarsi per le società di cui il comune è azionista e sarà quindi necessaria una equilibrata riorganizzazione aziendale tesa al pareggio di bilancio, preliminarmente ad ogni iniziativa di carattere economico-finanziario".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albano, Marini: "Nel bilancio abbiamo dato spazio più alle persone che alle cose"

RomaToday è in caricamento