CastelliToday

Albano: la discarica continua a puzzare e in 21 finiscono al pronto soccorso

Ancora intossicati dalle esalazioni della discarica di Roncigliano: venerdì sera in 21 sono finiti al pronto soccorso. Il Comitato No inc torna a chiedere controlli approfonditi nel sito di conferimento dei rifiuti

Il sit-in fuori la discarica lo scorso 26 febbraio

La discarica di Roncigliano continua a "puzzare" e nella notte tra venerdì 7 marzo e sabato 8, ben 21 residenti dell'area circostante la discarica sono finite al pronto soccorso per aver inalato le esalazioni maleodoranti provenienti dal sito di stoccaggio di rifiuti. E' da circa due settimane che la discarica emette miasmi maleodoranti avvertibili anche a chilometri di distanza soprattutto dopo il tramonto.

"Proprio a cavallo del week end, la puzza è arrivata, di nuovo, fino nei centri storici di alcuni Comuni dei Castelli Romani e del vicino Litorale Laziale - si legge in una nota di stampa del movimento No Inc -  Si tratta d’un vero e proprio disastro igienico-sanitario ed ambientale in pieno corso di svolgimento che nessuno ha il coraggio di affrontare e, soprattutto, risolvere".

A destare i dubbi dei residenti sul corretto conferimento in discarica dei rifiuti che provengono non solo dal bacino di utenza dei Castelli Romani, ma da un mese anche dai comuni di Civitavecchia e Monterotondo, i centinaia di gabbiani che ogni giorno sorvolano e sostano sul VII invaso: "Sono stati filmati e fotografati più volte dai residenti. Animali in cerca di approvvigionamento, intenti a scendere in buca per  procacciarsi da mangiare e bere e poi risalire, in un vortice continuo. Controprova di un trattamento non adeguato della spazzatura", dicono dal comitato.

Il Comitato No Inc torna a chiedere controlli capillari sul funzionamento della discarica di Roncigliano  per verificare che la spazzatura sia opportunamente selezionata, con l’estrazione e stabilizzazione di tutto l’umido presente che è la frazione di rifiuti che provoca l'odore tipico dei rifiuti, ma soprattutto si chiedono ispezioni approfondite per verificare che non vi siano stati, negli anni passati, interramenti non autorizzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento