rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Valle Aurelia Valle Aurelia / Via Giannozzo Manetti

Un murales per la biodiversità, a Valle Aurelia spunta “Lupus in muta”

Il progetto artistico è a cura di Lucamaleonte, uno dei pioneri della street-art italiana, invitato nel 2008 da Banksy al Cans Festival di Londra

Chi passerà in via Manetti, zona Valle Aurelia, potrà sentirsi braccato. Sulla facciata dell’IC Borgoncini Duca, spunta infatti da alcuni giorni un lupo incastonato in un branco di volpi rosse.

Nulla da temere però, è “Lupus in muta”, ultimo attacco d’arte di Lucamaleonte, uno dei pioneri della Street-art italiana, che, nell’ambito del progetto Creatività Urbana 2021 del Municipio XIII, ha realizzato un murales di sensibilizzazione sulla biodiversità.

Il progetto, a cura di Tiziano Tancredi e del presidente dell'associazione socio-culturale Villa Carpegna, Sandro Guarino, si compone di due murales differenti. Il primo, già realizzato sulla facciata dell’IC Borgoncini Duca – Plesso “Via G. Manetti”, vede un unico lupo incastonato tra molteplici volpi rosse; il secondo invece, di prossima realizzazione, vedrà disegnata un'unica pernice bianca attorniata da molteplici pettirossi sulla facciata dell’Asilo nido “I Cuccioli di via Silveri”.

“Lupus in muta – spiega Tiziano Tancredi - è un dittico murale che intende lanciare un segnale d’allarme alle nuove generazioni per la preservazione della biodiversità dell'ecosistema italiano”.

L’arte per preservare la biodiversità

Il lupo e la pernice bianca sono state selezionate infatti in quanto specie in via d'estinzione. L’ideazione di “Lupus in muta” ha richiesto una decina di giorni complessivi, più un paio per la realizzazione concreta grazie al prezioso supporto tecnico dell’associazione culturale Villa Carpegna.

Scopo del progetto è raccontare appunto la trasformazione che la fauna italiana sta subendo rapidamente negli ultimi anni, spronando alla mobilitazione della cittadinanza per la preservazione dell’habitat naturale delle specie.

“Come associazione presente sul territorio di Valle Aurelia da oltre 25 anni, creiamo occasioni di incontro e di confronto attraverso iniziative di tipo sociale e culturale - spiega Sandro Guarino, presidente dell’associazione Villa Carpegna – questo progetto ci sembrava il giusto coronamento di un longevo impegno di tipo artistico sul territorio, che prevederà anche lo sviluppo di laboratori con entrambe le scuole coinvolte”.

street art

La street art per parlare ai territori

Il coinvolgimento di Lucamaleonte non è casuale. Il tratto dettagliato e minuzioso risultano particolarmente efficaci nel rendere fruibili e alla portata dei bambini delle due scuole un tema complesso come quello della biodiversità. “L’opera è parte di un percorso visivo coerente all’interno della mia ricerca artistica che si focalizza sul soggetto dei ‘mucchi’, afferma l’artista.

Tantissimi infatti i residenti e più piccini accorsi ad ammirare l’opera, sorpresi da un senso di meraviglia, raccontano gli ideatori. “La decisione di inserire un elemento di rottura intende sottolinearne la natura di minoranza e di fragilità da preservare. Il valore dell’arte urbana risiede nella possibilità di creare maggiore consapevolezza sul territorio rispetto allo spazio comune, creando momenti di incontro e di confronto per riappropriarsene”, racconta Lucamaleonte.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un murales per la biodiversità, a Valle Aurelia spunta “Lupus in muta”

RomaToday è in caricamento