Mercoledì, 23 Giugno 2021
Arvalia Portuense / Via Pasquale Baffi

Via Baffi, addio agli allagamenti: arrivano le griglie nuove. Foglie e detriti invece sono vecchi

Tra Villa Bonelli e Portuense, sotto il ponticello ferroviario, è stato realizzato un nuovo sistema di raccolta delle acque meteoriche. Ma è polemica sull'efficacia dell'intervento

La promessa è stata mantenuta. In via Baffi, dopo il rifacimento del ponte ferroviario, il Municipio ha provveduto a realizzare un nuovo sistema di smaltimento delle acque meteoriche. Nel sottopassaggio infatti, situato al termine di una strada in forte pendenza, ogni pioggia per anni era stata causa di allagamenti.

#AddioRetina

Il 20 novembre, festeggiando la sistemazione delle nuove griglie, l'amministrazione locale aveva lanciato anche un post su facebook. "#AddioRetina del sottopasso ferroviario di via Baffi" aveva commentato l'assessore municipale ai lavori pubblici Giacomo Giujusa. Il riferimento era al sistema artigianale che residenti e commercianti avevano individuato per evitare l'intasamento del tombino posto a ridosso del ponte. Grazie ad una gabietta di metallo, fogliame e detriti trasportati dall'acqua, restavano contenuti tra le maglie della cosiddetta retina. Con la sistemazione delle nuove griglie però questa gabbia è stata tolta. Ma il problema continua a presentarsi.

La vecchia retina

"Via Baffi è tutta in discesa e quindi  i rifiuti confluiscono tutti sotto il ponticello – osserva il consigliere municipale Marco Palma (FdI) – se l'Ama non pulisce, inevitabilmente le nuove grate finiranno per intasarsi. E già oggi vi sono confluiti detriti e foglie. Invece la gabbietta artigianale, prima di quest'intervento che certamente non è stato gratuito, riusciva a fare un filtro e l'acqua defluiva nel tombino".

Il vecchio ed il nuovo

La necessità di provvedere alla pulizia della strada è condivisa anche dall'assessore Giujusa. "L'intervento che abbiamo realizzato è funzionale e drena sicuramente più acqua di prima. I detriti arrivano anche dalle aree verdi ai lati di via Baffi, oltre che dal resto dalla strada. Per evitare l'accumulo servirà garantire la corretta manutenzione. Detto questo – ha aggiunto l'assessore municipale ai Lavori pubblici – io credo che la retina andasse tolta perchè se è vero che non faceva entrare le foglie nel tombino, è altrettanto vero che le faceva confluire poi sulla vecchia grata presente". A questo punto per capire se la soluzione trovata sia più funzionale di quella  artigianale individuata dai residenti, bisognerà aspettare il prossimo temporale. Nel frattempo converrebbe mantenere la strada pulita. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Baffi, addio agli allagamenti: arrivano le griglie nuove. Foglie e detriti invece sono vecchi

RomaToday è in caricamento