ArvaliaToday

“Mi porti una giocata da 20”, così il pusher vendeva cocaina in chat

Lo spacciatore è stato arrestato dalla polizia nella zona del Trullo. La droga nascosta nella guarnizione del frigo

La chat nella quale il pusher viene contattato dal cliente

Alle 3.30 vieni sotto casa mia mi porti una giocata da 20 io non posso venire”. Così un cliente chiedeva al pusher la cocaina da acquistare. A scoprire la chat sul telefono cellulare di uno spacciatore del Trullo gli agenti di polizia del commissariato Esposizione. 

A finire in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 34enne romano. Apparso nervoso durante un controllo, aveva addosso 180 euro di dubbia provenienza: nel suo appartamento i poliziotti hanno trovato, nelle guarnizioni del frigo in camera da pranzo, un involucro termosaldato contenente 10,5 grammi di cocaina; 3 flaconi di metadone, della sostanza da taglio, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. 

In un mobile della stessa sala ed infine, nel vano del contatore elettrico, altri 10,5 grammi di cocaina dentro una busta in cellophane.

esposizione 3-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento