rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Portuense

Portuense, 22 anni fa il crollo della palazzina di Vigna Jacobini: dal Comune silenzio assordante

Deluso il comitato delle vittime che aveva sperato venisse almeno istituita una giornata della memoria: "Silenzio della Sindaca è macchia indelebile"

Ventidue anni fa la strage, oggi il silenzio. In via di Vigna Jacobini c’è una targa che ricorda le 27 vittime. Hanno perso la vita per il crollo dell’immobile situato al civico 65.

Una pagina dolorosa

A distanza di anni, Portuense non ha smesso di commemorare il drammatico episodio. Ma la richiesta di dedicare la data  del 16 dicembre alla memoria di quei defunti, non ha più avuto seguito. “Nessun passo in avanti è stato fatto dalla sindaca Raggi per dedicare questa Giornata alle ventisette vittime, tra cui sei bambini, del crollo della palazzina di via di Vigna Jacobini” ha fatto notare Laura Corrotti consigliera regionale della Lega.

Il silenzio del Campidoglio

L’iniziativa, ha rimarcato Corrotti, sarebbe stata “a costo zero per il Comune” ed invece quella strage “che sarà per sempre ricordata dai cittadini romani ma che sembra essere inspiegabilmente dimenticata dall’amministrazione capitolina”. Il silenzio del Campidoglio è stato stigmatizzato anche dagli esponenti di Forza Italia e della Lega del Municipio XI. E non è passato inosservato neppure agli occhi del Comitato delle vittime.

La delusione

“Il silenzio della sindaca Virginia Raggi e della sua giunta sulla tragedia di via di Vigna Jacobini sarà ricordato come una macchia indelebile sull’operato di questa amministrazione” aveva dichiarato alla vigilia del 22esimo anniversario, l’avvocato Francesca Silvestrini, presidente del comitato delle Vittime di Portuense.

Un ricordo indelebile

In merito alla  Giornata cittadina della memoria, che si chiedeva di istitutire il 16 dicembre, “alle aperture arrivate dall’XI Municipio due anni fa, in occasione del ventennale della tragedia - ha sottolineato la presidente del Comitato - non è seguito nulla, con l’unica mozione presentata in Assemblea Capitolina su cui la maggioranza si è astenuta, di fatto bocciandola”. Unico conforto per i famigliari, quindi, resta la solidarietà che i residenti di Portuense non hanno fatto mancare. Per loro, come per i congiunti, il ricordo di quella notte resta una traccia indelebile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portuense, 22 anni fa il crollo della palazzina di Vigna Jacobini: dal Comune silenzio assordante

RomaToday è in caricamento