menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Portuense: giro di boa per la corsia preferenziale che fece cadere il Municipio XI

I lavori per la preferenziale, partiti a dicembre, si devono concludere entro 90 giorni. Stefàno (M5s): "Renderanno il quadrante più bello e vivibile"

Giro di boa per il cantiere sulla Portuense. Ad inizio dicembre sono infatti partiti i lavori destinati a portare, nel tratto compreso tra Largo La Loggia ed il ponte ferroviario, una corsia preferenziale.

I lavori in corso

“Era un vecchio progetto vecchio di dieci anni che era disperso nei cassetti dell’amministrazione e che abbiamo provveduto a recuperare e terminare” ha spiegato il presidente della commissione Mobilità, durante un sopralluogo ai cantieri.  I lavori in corso, ha chiarito Stefàno, “consentiranno di rendere più veloci le linee di autobus, come la 718 che abbiamo introdotto noi”.

Cosa prevede il progetto

La preferenziale, non contribuisce solo a modificare l’assetto viario del chilometro e mezzo su cui si sviluppa. “E’ anche un vero e proprio intervento di riqualificazione che prevede la piantumazione di nuovi alberi e la sistemazione dell’impianto di illuminazione. Quindi velocizza il trasporto pubblico ma rende anche più bello e vivibile questo pezzo di città”.

Migliora la sicurezza

Al sopralluogo in via Portuense, con il consigliere Stefàno, si è presentato anche Stefano Lucidi, già assessore municipale alla Mobilità. “E’ un progetto a cui la maggioranza del Municipio XI  ha tenuto molto - ha sottolineato Lucidi - perchè mette in sicurezza gli incroci e gli attraversamenti pedonali e rende anche più sicuro prendere l’autobus, situato al centro della strada, che diventa più raggiungibile attraverso la realizzazione delle isole pedonali”.

Una preferenziale pagata a caro prezzo

L’idea di realizzare una preferenziale sulla Portuense, per il  Municipio XI, è stata tutt’altro che indolore. I voti della maggioranza pentastellata, che all’epoca aveva già perso tre consiglieri, non si rivelarono sufficienti a far approvare il progetto. Ed anzi spinsero la consigliera Francesca Sappia a lasciare la compagine grillina, spalancando di fatto le porte alla sfiducia del presidente Torelli che, nell’aprile dello stesso anno, perse l’incarico. Da allora, era il 2019, il Municipio è rimasto senza una rappresentanza eletta dai cittadini. Avrà però la sua preferenziale. A testimoniare che ha prevalso la linea del Campidoglio, e dei consiglieri rimasti fedeli al M5s.

lavori preferenziale-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento