rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Portuense Portuense / Via Luigi Bartolucci

L’immobile è abbandonato da trent’anni: multa salata per l’INPS

Sanzionato l'ente per aver lasciato nell'incuria il giardino dell'immobile

Diecimila euro di multa per aver lasciato il giardino in una condizione di incuria. E’ questa la multa che lo scorso settembre la polizia locale ha elevato all’INPS per lo stato in cui ha lasciato l’immobile di via Luigi Bartolucci, nel quartiere Portuense.

Un edificio misterioso ed abbandonato

L’edificio, per stessa ammissione dell’ente presidenziale, rappresenta una sorta di “mistero”. Non è chiara innanzitutto quale sia “la classe catastale”. Ci sono soltanto delle ipotesi su quella che doveva essere la sua iniziale destinazione che, per la modalità di costruzione, con pesanti pannelli in calcestruzzio senza tramezzature all’interno, lascia supporre potesse essere stato edificato per scopi manifatturieri. I due corpi di fabbrica, di un piano ciascuno, che caratterizzano il complesso di certo non sono utilizzati da oltre 30 anni. 

Un'incuria pericolosa

Buona parte delle finestre che perimetrano gli edifici, sono anche state murate. D’altra parte é stata proprio l’INPS a riconoscere, in una commissione patrimonio del comune, che “i corpi di fabbrica versano in condizioni pietose”. Uno stato di abbandono che ha caratterizzato anche il giardino, come la sanzione dimostra. La multa, aspetto non trascurabile, è stata elevata dalla polizia locale perché la mancata manutenzione, accertata lo scorso settembre, ha coinciso con il “periodo di massima pericolosità per rischio incendi” si legge nel verbale firmato dai vigili. 

L'intervento dopo la multa

“Dopo la multa da diecimila euro il prato è stato sfalciato ed adesso appare in buone condizioni” ha testimoniato il consigliere del municipio XI Marco Palma. Sul cancello è apparso anche un avviso che informa i residenti a non parcheggiare le auto davanti all’ingresso “per consentire l’accesso dei camion e dei mezzi necessari per la potature degli alberi, la bonifica del terreno ed il carico dei materiali di risulta” vi si legge. “Il cartello ed il prato ora curato dimostrano che, quando gli si sta con il fiato sul collo, l’INPS interviene. Non è un metodo corretto né auspicabile, ma evidentemente funziona”.

La possibile trattativa tra Comune ed INPS

L’ente previdenziale, sollecitato dal consigliere municipale, lo scorso giugno aveva già dichiarato la disponibilità a cedere l’edificio a Roma Capitale. La questione è così stata sottoposta all’attenzione del Campidoglio e dell’apposita commissione patrimonio che, ascoltata la proprietà e preso atto che non esiste al momento alcuna destinazione urbanistica accertata, ha deciso di rimandare la decisione. Ma la vendita e la riqualificazione dell’immobile rappresenta, ad ora, l’unica speranza per risolvere una criticità che nel territorio si trascina da trent’anni. 

In questo contesto, la multa ricevuta potrebbe diventare un volano per riportare l’edificio all’attenzione del Campidoglio. Di certo ha catturato l'attenzione dell’Inps che, dopo averla ricevuta, ha almeno affrontato e risolto il problema d' un prato lasciato in condizioni indecorose a ridosso di un centro abitato.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’immobile è abbandonato da trent’anni: multa salata per l’INPS

RomaToday è in caricamento