ArvaliaToday

Piana del Sole, la realizzazione di un ponticello è ostaggio della burocrazia

A distanza di 15 mesi non è stato ancora sostituito il ponticello di via Sabbadino. Torelli: “Lì sarà sistemata un’infrastruttura provvisoria. Ottenuta l’autorizzazione del CBTAR, manca quella dell’Avvocatura”

Il ponticello di via Sabbadino è stato lesionato nel novembre del 2018. Da allora sono trascorsi quasi quindici mesi. La strada è rimasta chiusa. L’infrastruttura, che non può essere riparata, non è stata sostituita. Il quartiere di Piana del Sole continua quindi a vivere una condizione di insopportabile isolamento.

La vicenda

La questione è stata affrontata anche in una recente commissione Trasparenza del Comune di Roma. In quell’occasione i residenti hanno protestato per i continui rinvii,  per le difficoltà di natura tecnica e le lungaggini burocratiche. Da allora sono trascorse altre sei settimane e, chi vive o lavora nel quartiere, continua a soffrire per gli stessi disagi.

Le conseguenze sulla mobilità

“Problemi ce ne sono, è  impossibile negarli, perché quando c’era quel ponticello percorrendo quattrocento metri si arrivava alla complanare, mentre oggi chi da Piana del Sole deve andare ad esempio verso Fiumicino deve dirigersi verso via Muratella, allungando di quasi cinque chilometri” ha riconosciuto Mario Torelli, delegato della Sindaca nel Municipio XI.

Una mobilitazione annunciata

Gli abitanti intanto hanno lanciato un ultimatum. “Aspettiamo ancora questo fine settimana  per avere un responso -  ha scritto il Comitato Cittadini Piana del Sole – poi organizzeremo una manifestazione popolare contro questo obrorio che sta mettendo in ginocchio i commercianti e i residenti della zona”. I cittadini attendono di sapere se, la soluzione del ponticello provvisorio, sarà effettivamente implementata dall’amministrazione locale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tempi della burocrazia

“Il CBTAR (Consorzio di bonifica tevere agro romano) ha autorizzato la realizzazione di un’infrastruttura provvisoria. Potrà sostituire il ponticello lesionato per due anni durante i quali l’ufficio tecnico dovrà approntare il progetto di realizzazione di quello definitivo – ha spiegato Torelli – nel frattempo la Direzione municipale ha necessità di verificare se, le rischieste fatte dal Consorzio, siano legittime. E’ stato chiesto infatti al municipi di ottemperare alcuni oneri che sembrano esulare dalla sue competenze. Per questo è stata interessata l’Avvocatura Capitolina. Ed ora siamo in attesa di una risposta”. Il tempo intanto continua a trascorrere. E le proteste dei residenti, che si sentono ostaggio della burocrazia, cominciano a farsi sentire con maggiore insistenza.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento