ArvaliaToday

Ponte Galeria, chiede soldi per una perizia favorevole: arrestato ingegnere

Il 65enne con incarico presso il tribunale di Roma è accusato di concussione. L'ingegnere pretendeva una percentuale sul valore della stessa perizia e una valutazione ben superiore di quella fatta dal Comune

Un ingegnere di 65 anni, con un incarico di consulente tecnico d'ufficio al Tribunale civile di Roma, è stato arrestato con l'accusa di concussione.

Tutto è partito lo scorso 11 settembre quando un avvocato denunciò di aver ricevuto pressioni dall'ingegnere, segnatamente richieste economiche, per farsi pagare una perizia favorevole.

Per realizzare la perizia a favore dei ricorrenti, l'ingegnere pretendeva una percentuale sul valore della stessa. Nel contempo prometteva una valutazione ben superiore di quella fatta dal Comune, intorno ai 5-6 milioni di euro.

Se accettato, l'accordo sarebbe stato favorevole per le parti e l'ingegnere avrebbe guadagnato qualche milione di euro ai danni del Comune di Roma.

Il 65enne è stato bloccato sul Lungotevere a bordo della propria auto in possesso di 20mila euro in contanti, ricevuti come acconto per la sua prestazione. A casa sua, i militari hanno sequestrato un personal computer e documenti relativi ad altre perizie svolte per il Tribunale di Roma. L’uomo è stato portato a Regina Coeli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento