ArvaliaToday

Anche nella Valle Galeria l'incubo miasmi: "Peggio della puzza solo il silenzio delle istituzioni"

I cittadini di Monte Stallonara ogni giorno sono esposti a esalazioni sgradevoli e rivendicano il loro diritto alla salute

Una protesta a Monte Stallonara - foto d'archivio

Il Tmb Salario a Roma Nord, quello di Rocca Cencia a Roma Est ed ora le proteste da Roma Ovest. Gli impianti dei rifiuti sempre più croce delle periferie della Capitale. La protesta della puzza stavolta è esplosa, prepotente, a Monte Stallonara, quartiere della Valle Galeria. Da giorni i miasmi impediscono di dormire ed i comitati sono in allarme. Un film già visto in altre zone della Capitale. Qui però dal Comitato, con senso di responsabilità, non si punta il dito contro un colpevole preciso. Anche perché qui, nella martoriata Valle Galeria, gli indiziati sono diversi. 

"Il silenzio assordante delle istituzioni è peggio dell'odore chimico che siamo costretti a subire", attacca Monica Polidori, presidentessa del Comitato di Monte Stallonara:  "Vorrei sapere a quali danni irreparabili per la salute mi espongo semplicemente aprendo le finestre di casa.  Siamo abbandonati in preda ai dubbi, senza sapere con certezza da dove proviene questo odore che ci sta togliendo la fame e il sonno". Vicino a Monte Stallonara c'erano una raffineria e un deposito di rifiuti ospedalieri ora chiusi, c'era la discarica di Malagrotta che sebbene sia stata chiusa non è stata oggetto di bonifica. "Il cattivo odore deriva dai TMB, trattamenti meccanici biologici? Abbiamo diritto di sapere" continua Polidori.

Nessuna accusa, dunque, solo tanta rabbia dovuta ad una totale assenza di risposte da parte delle istituzioni competenti. La presidentessa Polidori continua: "Io e altri cittadini abbiamo ripetutamente cercato di contattare le istituzioni pubbliche: dal Ministero per l'Ambiente, alle istituzioni regionali, passando per il corpo forestale e i carabinieri ma non abbiamo ricevuto risposte. Si parla sempre del TMB Salario, ma la nostra situazione è identica. Noi non siamo cittadini di serie B e abbiamo già pagato abbastanza una gestione assurda dei rifiuti di tutta Roma e non".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I cittadini di Monte Stallonara si sono riunti in un gruppo facebook denominato puzz@mina e, come esplicitato nelle informazioni del gruppo, le segnalazioni hanno un unico minimo comun denominatore: "I miasmi irrespirabili che irritano la gola e provocano nausea e tutti gli impatti ambientali che minano la vivibilità e mettono a rischio la salubrità del territorio provenienti dalla discarica di Malagrotta, dai Tmb, dalle aree a rischio incidente rilevante e dagli altri impianti esistenti". In giornata i cittadini hanno inviato l'ennesimo accorato appello alle istituzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus Roma, presidente dell'ordine dei medici: "Nel Lazio situazione preoccupante"

  • Albero crolla su auto, il padre della ragazza nella vettura: "Criminali, oggi potevo essere al funerale di mia figlia"

  • Ciclabile Tuscolana, investiti due fratelli. Il padre: "Più che una bike lane è una preferenziale per scooter"

  • Metro B, Castro Pretorio e Policlinico chiudono per la sostituzione della scale mobili

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento