rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Arvalia Muratella / Via Colonnello Tommaso Masala

Strade al buio da otto anni: a Muratella residenti abbandonati dai costruttori

Le 1400 famiglie che abitano il Consorzio Altamira non hanno l'illuminazione stradale ed alla cura del verde provvedono da sole: "Ci sentiamo completamente abbandonate". Il Municipio prova a riaccendere i riflettori

Via Masala e via Mecozzi sono al buio da otto anni. Gli abitanti del Consorzio Altamira, 1400 famiglie suddivise in 14 palazzine, lo sanno bene. Quello che invece non riescono a comprendere, è per quale motivo non si riesca a venire a capo di questa situazione.

I TANTI DISAGI - “Abbiamo fatto di tutto per segnalare i nostri disagi. Finchè c’era il centro direzionale Alitalia l’illuminazione pubblica ha funzionato. Ma da otto anni non è più così – spiega la signora Alessandra Di Nicola – dopo la rotatoria si torna alla normalità, ed anzi recentemente i loro lampioni sono stati sostititi anche con i led. Da noi invece si assiste al più totale abbandono. Vale per via Mecozzi che, non essendo presa in carico dal Comune, non viene nemmeno pulita da Ama ed è soggetta al formarsi delle discariche. E vale anche per via Colonnello Tommaso Masala, dove tanto il manto stradale quanto i marciapiedi versano in cattive condizioni”.

L'ATTENZIONE DEL MUNICIPIO - “Con la Presidente Fainella della Commissione controllo e garanzia, abbiamo deciso di convocare una seduta perché – ricorre ad una battuta il Consigliere Marco Palma – è arrivato il momento di fare luce su questa vicenda, che riguarda anche l’illuminazione stradale”.Parte del problema è rappresentato dal fallimento della società che avrebbe dovuto completare queste opere. “Per terminare l'impianto di illuminazione Acea Reti ha individuato in euro 55 mila più iva l'importo che consentirebbe la funzionalità e la messa in sicurezza delle opere – spiega il Consigliere Marco Palma -  tutti gli importi dovranno essere effettuati in danno alla società convenzionate, da finanziare tramite l'escussione della garanzia fidejussoria di Convenzione”. La commissione controllo e garanzia è pertanto convocata proprio “per  verificare a che punto sia la fase relativa all’escussione di queste polizze”.

LE INIAZIATIVE DEI RESIDENTI - Ma non c’è soltanto il problema dell’illuminazione stradale. Anche se è evidentemente il più impattante. “Dopo anni di proteste ed una petizione, siamo riusciti ad ottenere il passaggio di un’autobus sulla nostra via. Di sera però, le persone devono aspettarlo restando al buio” fa notare la signora Di Nicola. Le iniziative dei residenti, per migliorare le condizioni della loro strada, non si sono limitate alle raccolte firme. “Un paio di volte all’anno ci autotassiamo e paghiamo una ditta di giardinaggio affinchè pulisca dai canneti e dalle piante infestanti la nostra strade. Lo scorso ottobre, in occasione di una giornata di pulizie, abbiamo anche acquistato dei fiori. Ora invece abbiamo comperato 15 limoni ad arbusto medio, che piantumeremo il secondo sabato di marzo – annuncia la residente –  vorremo che le nostre vie, tornassero ad avere quel decoro che è venuto a mancare”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strade al buio da otto anni: a Muratella residenti abbandonati dai costruttori

RomaToday è in caricamento