rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Marconi Marconi / Lungotevere Vittorio Gassman

Sponde del Tevere, insorge Marconi: “La manutenzione serve anche qui”

Il Comitato di Quartiere di Marconi ha attivato una raccolta firme per modificare il bando regionale sulla riqualificazione delle sponde fluviali. Palma: "A sud dell'Isola Tiberina si lascia campo libero alle occupazioni"

La decisione della Regione Lazio d’indire un bando per la manutenzione delle sponde tiberine, continua ad attirare critiche. Non per l’idea in sé, ma per il fatto di aver previsto uno stanziamento triennale di 2,1 milioni di euro, per un tratto urbano che termina all’Isola Tiberina. Una decisione che a Roma sud è stata letta come discriminatoria, penalizzante.

LA PETIZIONE - Il Comitato di Quartiere di Marconi, per chiedere di modificare il bando regionale, ha attivato una petizione online. “Chiediamo che sia coinvolto il Tevere fino all'Ippodromo Tor di Valle”. Per supportare l’istanza, vengono elencate una serie di criticità “che caratterizzano queste sponde dimenticate”. A partire dalla densità abitativa che le contraddistingue, visto che  “attraversano zone densamente popolate come i quartieri di Trastevere, Testaccio, Ostiense, Marconi, Magliana, EUR”. 

LE SPONDE DIMENTICATE - Come già fatto dall’associazione BiciRoma, anche il CdQ di Marconi ricorda che “all'altezza del Ponte Sublicio dal Luglio del 2016 vi è l'interruzione della ciclabile a causa di un crollo non ancora risolto e ben lungi dall'esserlo”. Una “profonda ferita” che necessita di non essere trascurata. Come non va dimenticata l’importante pista ciclabile che affianca le sponde fino a Tor di Valle, e che risulta “continuamente deturpata dai rifiuti e dal degrado”. Sempre in tema di degrado, il Comitato di Quartiere fa notare che “Esistono numerosi accampamenti che con fuochi illegali e sversamenti indiscriminati dei rifiuti, inquinano in maniera devastante il fiume Tevere, in barba a qualsiasi raccolta indifferenziata”.

LE DISCARICHE - La questione è stata ripetutamente denunciata, da ultimo anche dal Vicepresidente del Consiglio municipale Marco Palma (Lista con Giorgia). “Lo spettacolo non è certo dei migliori – osserva Palma in riferimento alla foto pubblicata che è stata scattata da Lungotevere San Paolo –  Le occupazioni di quei luoghi da parte di rom  genera cumuli dei rifiuti che, al momento, non vengono portati via dalle acque del fiume solo perchè non piove da tempo ed il livello non si è mai alzato. Parliamo anche di tonnellate di rifiuti e di scarti anche pericolosi – riflette il Vicepresidente del municipio XI – I residenti del quartiere Marconi hanno l'esigenza di poter fruire di aree e spazi adeguati, di centri sportivi di livello, proprio come accade a Roma Nord. Non si comprende come mai a sud dell'Isola Tiberina tutto debba essere lasciato alle occupazioni o a livelli qualitativi di scarsa qualità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sponde del Tevere, insorge Marconi: “La manutenzione serve anche qui”

RomaToday è in caricamento