menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La consegna del premio a Ciaccheri e Montino

La consegna del premio a Ciaccheri e Montino

Tevere, a Montino e Ciaccheri il premio Alfiere Blu: “In prima linea in difesa del fiume”

Il riconoscimento al sindaco di Fiumicino ed al Presidente del Municipio VIII "per l'impegno in favore del Tevere"

Il Tevere può contare su due sentinelle. Anzi, su due “Alfieri blu”. E’ questo il riconoscimento che nella giornata del 10 febbraio è stato conferito al presidente del Municipio VIII Amedeo Ciaccheri ed al Sindaco di Fiumicino Esterino Montino.

La foce del Tevere

Il premio, attribuito dalla rivista “Photopress-Mondo sommerso”, è stato assegnato con due diverse motivazioni. Al primo cittadino del comune aeroportuale “per l'impegno con il quale sta denunciando la situazione in cui riversa la foce del fiume Tevere e  le spiagge della sua città dall'inquinamento da esso trasportato”. Durante le piene di dicembre, i rifiuti trasportati dalla corrente, si sono infatti arenati sulla costa di Fiumicino

Il fenomeno, a cui è stato dato risalto anche a mezzo stampa, ha contribuito ad evidenziare il problema degli sversamenti nel fiume. Una criticità, spesso evidenziata, tutt’altro che risolta, di cui fa le spese Fiumicino. Ma anche la fauna ittica che finisce per nutrirsi delle plastiche sminuzzate dall’azione erosiva del mare. 

Il Tevere nel tratto urbano

“Per l'impegno di salvaguardia del Tevere e della sua conservazione storico - naturalistica nel suo Municipio” è stato conferito il premio anche al presidente Amedeo Ciaccheri.”La storia della nostra citta' non puo' prescindere dal legame genetico con il Tevere, un privilegio e un'occasione che rappresenta per Roma una priorità inderogabile che da oggi sono orgoglioso di poter rappresentare con il riconoscimento di Alfiere Blu” ha commentato il minisindaco. 

L'importanza della partecipazione

Alla rivista che ha istituito il premio, sono arrivati i complimenti anche della consigliera regionale Marta Leonori che ne ha approfittato anche per lanciare una  proposta “Per la prossima edizione - ha dichiarato Leonori -  avanzo la candidatura di un progetto partecipato e collettivo, che nasce da cittadini, amministratori e istituzioni che si incontrando, dall'applicazione della legge sui beni con un patto di collaborazione”.

Perchè oltre a voler valorizzare il Tevere, con suggestive proposte come quella dell’istituzione di un parco nazionale, c’è anche da affrontare il tema della sua salvaguardia. Un obiettivo al quale, necessariamente, devono concorrere istituzioni, comitati, associazioni, e singoli cittadini. Insieme, in difesa d’un simbolo della Capitale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento