ArvaliaToday

Il “Serpentone” 35 anni dopo: proposte per un futuro che ci spetta

Forum a Corviale il 30 ottobre nel Complesso di San Michele a Ripa, Sala dello Stenditoio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Sotto lo slogan “La forza nel segno”, che è anche il titolo di un documentario di Christian Angeli che verrà proiettato a inizio lavori, il Forum Corviale sarà una giornata di incontri multidisciplinari con esperti, studiosi, giornalisti, per discutere del progetto di riqualificazione, di buone pratiche e sogni per una migliore qualità della vita. Il Forum sarà aperto dal taglio del nastro effettuato da cento bambini che rappresentano il futuro, accompagnati da associazioni, comitati, centri culturali, scuole, imprenditori, operatori sociali culturali, sportivi, ambientali che vivono e lavorano nel territorio di Corviale. Previste video-interviste, testimonianze,confronti, interventi via Skype di personaggi dell’ambientalismo, dell’economia, del mondo socio-culturale, dello sport e dello spettacolo, come Luca Zevi, Stefano Boeri, Achille Bonito Oliva, Giorgio Nebbia, Ascanio Celestini e Vincenzo Salemme. Il Forum si terrà il  30 ottobre 2012 presso il Complesso di San Michele a Ripa - Sala dello Stenditoio

Nel 1977 veniva ultimato il grande complesso di case popolari “Nuovo Corviale” progettato dall’architetto Mario Fiorentini, posto nella periferia sud-ovest di Roma, lungo la via Portuense, che avrebbe ospitato poi circa 8.000 abitanti. Sono trascorsi 35 anni da quella data e il “grattacielo orizzontale” più lungo d’Europa - circa 1 chilometro per 9 piani di altezza - è diventato il simbolo di tutte le periferie urbane, ma anche un controverso elemento diviso fra modello di moderna architettura o “opera mostruosa” da abbattere.

Il coordinamento Corviale Domani, composto da associazioni, fondazioni, enti, istituzioni di ricerca, operatori ed esperti di diversi ambiti disciplinari,  grazie al Ministero dei Beni Culturali e ad altre numerose realtà, ha organizzato l’evento “Forum Corviale”. Una giornata di incontri multidisciplinari che vedrà la partecipazione di numerosi esperti, studiosi, giornalisti e anche di personaggi della cultura e dello spettacolo. “Forum Corviale sarà un momento importante a rompere muri e pregiudizi che segnano ancora il territorio che abbiamo contribuito a migliorare e cambiare – spiega Pino Galeota, coordinatore di Corviale Domani - Per la prima volta la comunità di Corviale sale sul palcoscenico e ‘dice la sua’ realizzando per una giornata incontri e confronti con la comunità scientifica, esperti, giornalisti, per discutere del suo futuro e delle tanto declamate ma dimenticate periferie, per migliorare la qualità della vita di chi ci vive e per uno sviluppo sostenibile dei suoi territori”.

Tra gli interventi previsti al Forum sono da segnalare quelli introduttivi di Maria Grazia Bellisario, direttore servizio Architettura e Arte contemporanee del PaBAAC; Piero Ostilio Rossi, capo dipartimento Architettura e Progetto Università La Sapienza Roma; Fabio Bellini, presidente municipio Roma XVI; Giovanni Quarzo, presidente commissione Consiliare Permanente LLPP Roma Capitale; Pino Galeota, Coordinamento Corviale Domani. I lavori del Forum saranno condotti da Paola Orlandini, giornalista Rai e responsabile di Art News.

La giornata sarà intervallata da tavole rotonde e confronti fra studiosi e momenti di informazione e intrattenimento, in cui verranno proiettati video contenenti documentari, interviste e testimonianze, anche di personaggi dello spettacolo, come il monologo di Ascanio Celestini sul Pil e il racconto di Vincenzo Salemme raccolto dal giornalista radiofonico Ernesto Bassignano. Inoltre, video-interviste a Giorgio Nebbia, professore emerito e Stefano Boeri, urbanista del Politecnico Milano, a cura di Stefano Panunzi, architetto dell’Università del Molise; a Pasquale De Muro, economista Università Roma Tre, a Giandomenico Amendola sociologo, a l rettore Univesità del Molise Giovanni Cannata a Paolo Leon economista e ad Achille Bonito Oliva, curatore del progetto Parco Nomade Corviale. Tra i partecipanti l Forum anche Luca Zevi, curatore del padiglione Italia della Biennale di Venezia 2012, alla quale il prossimo 10 novembre il Coordinamento Corviale Domani presenterà il progetto Forum Corviale, e di altre e numerose presenze di alta professionalità e competenza, per cui rimandiamo al programma allegato

Il grande complesso abitativo di Corviale è stato spesso oggetto di accese diatribe fra sostenitori e critici e oggi si trova al centro di una inverosimile vicenda. “I fondi stanziati dal ministero delle Infrastrutture nel 2003 con un bando per riqualificare le periferie, circa 42 milioni di euro, sono attualmente congelati”, denuncia Angelo Scamponi del Comitato Inquilini di Corviale. “Dovevano servire per ristrutturare il Serpentone, per costruire fra l’altro anche due palazzetti dello sport, visto che Corviale è stato riconosciuto quadrante a vocazione olimpica, che non sono stati mai realizzati. Quei fondi rischiano di andare perduti, mentre la comunità di Corviale pretende dalle Istituzioni di dare seguito a quanto era stato deliberato, ovvero che fossero spesi a beneficio della comunità”.

La sala degli Arazzi ospiterà una mostra di disegni degli stessi bambini, oltre 120, dedicata a come vorrebbero il loro quartiere. Previste inoltre le mostre “Obiettivo Corviale”, fotografie di Roberto Galasso, e “Il territorio si racconta”, progetti e attività anche in video presenti nel Quadrante di Corviale.
 

Torna su
RomaToday è in caricamento