rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Corviale Corviale / Via Poggio Verde

A Corviale aspettano la maxi-riqualificazione. Entro 6 mesi via ai cantieri Pnrr

Il 7 marzo un incendio all'interno di un alloggio Ater ha messo in allarme la comunità del Serpentone. Tra fondi del piano nazionale e progetti internazionali gli inquilini attendono la svolta

Che fine hanno fatto i progetti di riqualificazione di Corviale? E' ormai da un po' che si parla del Serpentone di via Poggio Verde e del suo futuro. Anche perché il rogo che si è sviluppato in un alloggio Ater, il 7 marzo in largo Quadrelli, ha riacceso i fari su un contesto che, al netto delle iniziative degli ultimi anni, resta difficile. 

Dopo l'incendio, l'allarme delle associazioni su Corviale

"Corviale Domani", associazione che si occupa di iniziative sociali all'interno del palazzone lungo oltre 1 km nel quadrante ovest della Capitale, lancia l'allarme: "Abbiamo scritto al prefetto, al ministro dell'Interno, al Sindaco, all'Ater, alla Regione - si legge in una nota - ci hanno detto di sottoscrivere un protocollo d'intesa e l'abbiamo fatto in 70 organizzazioni, abbiamo costituito la cooperativa di comunità urbana con 45 soci, abbiamo portato le nostre proposte in un tavolo di coprogettazione". Però le cose, fanno intendere chiaramente, non sono cambiate. 

"Qui sono venuti tutti ma gli ascensori ancora non funzionano"

L'associazione, presieduta da Pino Galeota, ricorda poi una serie di eventi che hanno caratterizzato gli ultimi anni di Corviale: dalla visita del Papa nel 2018, quella dell'ex presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti nel 2019 per la consegna dei primi alloggi riqualificati. Un anno fa il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, inaugurava il Campo dei Miracoli, nuova sede del Calciosociale, progetto fondato da Massimo Vallati nel 2005 ed approdato a Corviale nel 2009.  "Abbiamo preso un pezzo della città che era finito nel degrado e lo abbiamo trasformato - diceva Zingaretti, oggi deputato, poco prima del taglio del nastro - migliorando la vita delle persone E’ un percorso in divenire, che ha visto l’impegno di tanti e il coinvolgimento di chi in questo luogo vive e lavora". Ma "Corviale Domani" sottolinea che "nonostante tutto quanto descritto e fatto, la sicurezza non c'è e gli ascensori continuano a non funzionare". 

Riqualificazione degli spazi, efficientamento energetico e un campo da calcio: così rinasce Corviale

Tra sei mesi (forse) via ai cantieri Pnrr. Per il progetto internazionale si aspetta Rocca

Il percorso in divenire, iniziato con la riqualificazione degli alloggi, proseguirà con la messa a terra dei bandi Pnrr e con la realizzazione del progetto "Rigenerare Corviale". Nel primo caso parliamo di due gare gestite da Invitalia, da 40 milioni di euro complessivi, già affidate. I tempi? Secondo quanto è possibile sapere, circa 6 mesi per far partire i cantieri. Se ne parlerà, dunque, dopo l'estate. C'è poi il concorso internazionale vinto ormai 8 anni fa dall'architetta Laura Peretti. A gennaio 2022 si è conclusa la conferenza dei servizi: gli ingressi del Serpentone aumenteranno da 5 a 27, ci saranno aree verdi e servizi, attraversamenti pedonali nuovi, banda ultralarga, spazi pubblici continui e una grande piazza. In totale 20 milioni di euro da spendere. Per saperne qualcosa in più, però, i cittadini del Serpentone dovranno aspettare la nuova giunta regionale, in formazione proprio in queste ore. "Ci siamo inventati l'immagine di Corviale come Giani Bifronte per mostrare la faccia buona della ricchezza associativa e la faccia cattiva dell'abbandono istituzionale - commenta Pino Galeota - . Non vorremmo adesso inventarci anche Corviale/Cassandra".

Sul muro del Serpentone vola Icaro: a Corviale l’opera di street art più alta d’Italia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Corviale aspettano la maxi-riqualificazione. Entro 6 mesi via ai cantieri Pnrr

RomaToday è in caricamento