ArvaliaToday

Municipio XI approvato il bilancio: rispetto al 2016 al sociale vanno 900mila euro in più

Il M5s in due sedute di Consiglio ha approvato il bilancio previsionale. Critiche le opposizioni, che hanno visto bocciarsi oltre 800 proposte. Garipoli: "Abbiamo lavorato in un clima ostile, dispotico e repressivo"

Ci sono voluti due incontri. Due sedute del Parlamentino di Corviale, per approvare il bilancio previsionale ed il piano degli investimenti per il triennio 2017-2019. La decisione finale spetterà al Campidoglio, ma dal Municipio XI sono arrivate indicazioni chiare. Lo sono anche dal punto di vista della dialettica politica. La maggioranza ha deciso da sola, escudendo la gran parte delle proposte  giunte dall'opposizione.

LE SCUOLE - Il risultato conseguito è stato salutato con soddisfazione dall’Assessore al Bilancio Piera Petrella Tirone. "Sul fronte degli investimenti il bilancio esaminato lunedì dal Consiglio Municipale prevede anche Fondi per più di 2 milioni di euro.  1,3 milioni sono destinati alla manutenzione straordinaria delle scuole ed oltre 661.000 euro alla manutenzione strutturale delle strade. Nel corso dell’esercizio 2017, in virtà del finanziamento ottenuto da Cassa Depositi e Prestiti, potranno essere intrapresi i lavori per la messa in sicurezza delle scuole  per un valore totale di 3,3 milioni di euro”

LA SPESA PER IL SOCIALE - Nel bilancio previsionale approvato dal Municipio XI, la parte del leone la fa il sociale. “I servizi sociali beneficiano di oltre 897.000 euro di fondi aggiuntivi rispetto a quanto stanziato all’inizio del 2016.  In dettaglio – ha spiegato l’Assessore Petrella Tirone - circa euro 7,7 milioni saranno dedicati ai servizi sociali, circa 4,1 milioni alle spese di manutenzione e del tecnico e la quota residuale alle spese di funzionamento”.

LE CRITICHE -  I risultati elencati dall'Assessore al bilancio, sono stati ottenuti blindati dal M5s che, forte di una maggioranza straripante, ha deciso di non ascoltare le proposte dell'opposizione. Le proteste non sono mancate. “In un clima ostile, dispotico e repressivo – premette il Capogruppo di FdI Valerio Garipoli - il Presidente del Consiglio Silvio Patrizi e la Maggioranza del Movimento Cinque Stelle hanno ritenuto opportuno cassare oltre 850 ordini del giorno collegati al Bilancio (il 98% degli atti) presentati dalle Opposizioni FdI, FI, Pd e Lista Civica. Atti di proposta - concertati nelle settimane passate con i cittadini, residenti e Comitati di Quartiere - su manutenzione straordinaria delle stradale, delle aree verdi, dei plessi scolastici e bonifiche”. Contestazioni sono arrivate anche dal centrosinistra. “E’ stata scritta la pagina più nera della storia politica del nostro Municipio, figlia del più bieco fascismo - osserva Claudio Barocci, capogruppo della civica RomaTornaRoma -  Su circa 800 ordini del giorno collegati al Bilancio presentati da tutte le forze d'opposizione (dove si evidenziavano le varie criticità territoriali legate soprattutto a strade, scuole, illuminazione pubblica, sicurezza, aree cani) soltanto 5 sono stati accettati dalla Presidenza del Consiglio Municipale (M5S). Il resto tutto spazzato via. Ritengo tale scelta gravissima, mai avvenuta in nessuna precedente consiliatura, che mette il bavaglio non solo ai consiglieri ma anche a tutti i cittadini che rappresentiamo”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento