Volley

Serie A1 donne, Roma si riscatta e piega Perugia in quattro set a Gubbio

La squadra di Stefano Saja ottiene la sua rivincita su Perugia al torneo "Spirito di Squadra" mostrando confortanti progressi in tutti i fondamentali. Tre a uno il risultato finale

L'obbiettivo era il riscatto dopo il ko di metà settimana e l'Acqua & Sapone Roma lo ha centrato, anche sciorinando una buona qualità di gioco. Le giallorosse, in occasione del Torneo "Spirito di Squadra" disputatosi a Gubbio, hanno vinto per tre set ad uno (22-25; 25-23; 18-25; 21-25) contro la Bartoccini Fortinfissi Perugia, squadra sulla carta favorita. Il test, che ha voluto onorare la memoria di Francesco Rampini, è stato importante per verificare i progressi fatti a meno di un mese dall'inizio del campionato. 

LA CRONACA - Roma è partita bene, ottenendo un margine di vantaggio di +4 (1-5). La reazione delle perugine è arrivata dopo il time-out chiamato da coach Cristofani senza però trovare continuità. Le romane con Stigrot e Klimets in attacco e una solida Trnková a muro hanno raggiunto un massimo vantaggio di 8 punti (10-18). Anche l’Acqua & Sapone è inciampata in qualche imprecisione, ritrovando però l’equilibrio fino al punto del 22-25 segnato dal braccio di Pamio. 

Il secondo set è stato la fotocopia di quello precedente solo nelle azioni iniziali. Perugia ha impedito la fuga delle capitoline, raggiungendole sull'11-11, per poi allungare con una bella serie dai nove metri di Nwakalor (17-11). La pausa chiamata da coach Saja e l’inserimento di Arciprete e Rebora con la diagonale Avenia-Decortes, ha portato una bella reazione che, anche grazie al servizio incisivo di Trnková, ha provocato un grande recupero giallo-rosso (24-23). Nonostante la notevole serie di break consecutivi, sono state le perugine a raggiungere per prime il 25-23 con il mani out di Havelkova. 

Nel terzo parziale il ritmo si è fatto ancor più incalzante con Roma che ha allungato (3-7), riagguantata però da una positiva Bauer e dalla coppia Bongaerts - Diouf (10-10). Le Wolves hanno però saputo allungare progressivemente, allestendo un’ottima prestazione in difesa e a muro. Il set si è chiuso con la regista americana Bugg che ha messo nelle mani di Trnkova’ il punto decisivo del 18-25. 

La squadra guidata da Saja è rientrata in campo anche nel quarto set, mantenendo alta la concentrazione: Pamio dai nove metri e l’opposta Klimets hanno portato al largo il sestetto romano (0-4). L'Acqua & Sapone ha continuato con ottima intensità difensiva e buone cose in attacco a mantenere le distanze. Davanti al +6 (12-18), Cristofani ha mescolato le carte con un doppio cambio, ottenendo la reazione desiderata con la Bartoccini che si è rimessa in scia a -1 (19-20). Roma, nonostante alcuni errori di troppo, ha stretto i denti, dando qualcosa in più in difesa con Venturi e con tutte le giocatrici a disposizione. Stigrot e Klimets, ben servite da Bugg, hanno poi preso il controllo degli attacchi decisivi, chiudendo la prova sul 21-25

LE PAROLE DI COACH SAJA - Ecco cosa ha detto il tecnico delle giallorosse a margine della partita: "In questa fase il risultato è qualcosa che conta, ma non è il nostro obiettivo. Due sono le cose per me positive. La prima è che ogni volta che abbiamo una prova da affrontare stiamo facendo un passo in avanti nel nostro percorso. Questo è veramente molto importante, un pregio che queste ragazze stanno dimostrando di avere in questo percorso di avvicinamento al campionato. L’altra è che, sempre in relazione a questo tipo di atteggiamento, noi siamo una squadra di 13 giocatrici. Chiunque dà il suo contributo e oggi sono state brave le ragazze in campo e ancor di più chi è subentrata, dando il proprio contributo per raggiungere la vittoria. Credo che questa sia una delle migliori qualità che la squadra stia dimostrando e che spero diventi un nostro marchio di fabbrica". Le prove però non sono ancora finite: "Non siamo partiti da Roma per vincere un trofeo. Siamo partiti per vedere a che punto siamo del nostro percorso confrontandoci con altre squadre che sono sicuramente più esperte di noi. Alziamo ancora una volta l’asticella la settimana prossima nel torneo di Scandicci: l’obiettivo è di alzare il nostro livello con degli avversari sempre più forti, lo stesso livello che dobbiamo raggiungere se vogliamo ottenere questa salvezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie A1 donne, Roma si riscatta e piega Perugia in quattro set a Gubbio

RomaToday è in caricamento