Lunedì, 22 Luglio 2024
Volley

Il quartiere Trieste si coccola Francesca Pierdonati: non chiamatela semplicemente “promessa”

Classe 2006, la giovane pallavolista romana è stata ingaggiata ieri dall’Aduna Padova con cui disputerà il campionato di B1

Nel lontano 1953 Luigi Comencini ambientò il suo film “La valigia dei sogni” nel quartiere Trieste. Anche una giovane pallavolista che è cresciuta in questa zona di Roma sta portando in giro per l’Italia un “bagaglio” simile, per l’appunto una valigia pieni di sogni che pian piano stanno diventando realtà. La 18enne Francesca Pierdonati è pronta ad affrontare una nuova stagione ambiziosa e improntata alla crescita, l’occasione giusta per dimostrare che le tappe della sua carriera sono state tutte fondamentali.

Nelle ultime ore la centrale classe 2006 è stata ingaggiata dall’Aduna Padova Women e giocherà dunque la Serie B1 2024-2025 con una formazione interessante e che non disdegnerà le posizioni di vertice. A guidare la squadra veneta sarà infatti Vincenzo Rondinelli, fresco artefice della promozione in A2 di un’altra compagine padovana, l’Alta Fratte e reduce proprio dalla prestigiosa esperienza nella seconda serie nazionale. Francesca, nonostante la giovane età, non è nuova né a queste categorie né a una distanza così grande da casa.

Per lei si tratta infatti della terza volta in B1, l'ultima delle quali nella stagione 2022-2023 che ha affrontato con la maglia della VAP Piacenza. Nel campionato appena concluso, invece, è stata protagonista in B2, meritandosi il titolo di capitano della giovane Savino del Bene: a Scandicci ha avuto anche la possibilità di giocare con l’Under 18, conquistando il titolo regionale e il settimo posto alle finali nazionali. La carriera di Francesca Pierdonati è però cominciata ancora prima. Dopo aver provato altri sport come la danza e il triathlon, la sua altezza (185 centimetri) le ha “suggerito” di focalizzarsi sul volley ed è stato amore a prima vista. I primi passi in tal senso li ha fatti a Roma, giocando tra il 2015 e il 2019 con il Giro Volley e il Volley Friends.

Proprio nel 2019 è stata notata dal blasonato Volleyrò Casal de’ Pazzi che di talenti pallavolistici se ne intende: con questo club Francesca ha esordito in B1, ricoprendo egregiamente il ruolo di capitano delle giovanili. La parentesi col Volleyrò è stata costellata anche da momenti negativi come quello del covid e dell’infortunio ai legamenti della caviglia, ma anche questo è servito a formarla sia caratterialmente che tecnicamente. A Padova metterà a disposizione tutte le abilità affinate sotto rete, inoltre nella città veneta si cimenterà con quello che sarà il suo primo anno universitario. L’Aduna si attende molto da lei e tutto il quartiere Trieste (e non solo) è pronto a fare nuovamente il tifo per quella che non è una semplice promessa, in attesa di palcoscenici ancora più ambiziosi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il quartiere Trieste si coccola Francesca Pierdonati: non chiamatela semplicemente “promessa”
RomaToday è in caricamento