rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Volley

Anguillara, la sconfitta più dolce: vince Genzano ma è salvezza

Nonostante la sconfitta casalinga con Genzano, il volley Anguillara può festeggiare la salvezza con un turno d'anticipo grazie al ko di Paglieta

Il boato arriva a metà esatta del secondo set, quando una contagiosa euforia, fatta di abbracci e pacche sulle spalle, comincia a diffondersi dalla panchina biancoblu a tutto il Palafagiani: Monterotondo ha appena conquistato il secondo set contro gli abruzzesi di Paglieta, e questo significa solo una cosa per la truppa di Fagiani. Ci pensa lo speaker di casa, durante l’ennesimo tie break, ad urlare nel microfono quella parola tanto attesa: “Salvi! Salvi! Siamo salvi!”. Eccolo il pomeriggio perfetto dell’Anguillara Volley: come dice l’adagio “aiutati che Dio ti aiuta”, mentre sul parquet di casa Paris e compagni ingaggiavano un bellissimo e tiratissimo match contro Genzano (23-25 20-25 26-24 16-25), in lizza per il prestigioso terzo posto nel girone, cinquanta chilometri più ad est, i chietini di Paglieta chiudevano malamente la loro esperienza nella cadetteria nazionale, infrangendo le loro speranze di salvezza contro il muro di un Monterotondo non in vena di regali.

Si chiude così una stagione che definire tormentata è dire poco: dopo due anni di pandemia severa che aveva spento le luci dei palazzetti e svuotato le tribune, la terza stagione con il virus a spadroneggiare non è stata da meno: chi se li scorda i mesi di gennaio e febbraio, con le gare a singhiozzo, i calendari azzerati, i recuperi (e a volte anche i recuperi dei recuperi) che saltavano come grilli: ce n’è voluta di concentrazione, voglia e passione, per portare al porto della permanenza in B un’imbarcazione così delicata come quella di coach Fagiani. Come non menzionare poi l’impressionante sequela di infortuni (ieri ha pagato dazio Claudio Paris), dalle lungodegenze agli acciacchi dell’ultimo minuto: capita a tutti si dirà; certo, ma bisogna rimarcare la grande risposta che la squadra ha sempre saputo dare quando è stato necessario.

Bravi tutti: dal coach Fagiani e il suo staff al presidente Mondati, ai dirigenti e ai ragazzi, nessuno escluso, di una rosa unita, capace di riconoscersi senza individualismi nei suoi leader naturali. Un plauso speciale alla comunità, ai tifosi: fondamentale il loro calore, la loro costante presenza. Ora sabato l’ultimo impegno contro il retrocesso Marino, poi sarà l’ora del riposo e delle meritate vacanze: solo dopo aver liberato la mente, arriverà quella della programmazione e della progettualità, per scegliere e definire cosa farà da grande Anguillara.

VOLLEY ANGUILLARA - VOLLEY SCHOOL GENZANO 1-3
I PARZIALI: 23-25, 20-25, 26-24, 16-25

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anguillara, la sconfitta più dolce: vince Genzano ma è salvezza

RomaToday è in caricamento