Virtus Romanina, caso Biasini: "Squalifica ingiusta, non possiamo difenderci"

"Possiamo portare prove video o testimonianze dell'innocenza del ragazzo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Ha usato il "basso profilo" fino a questo punto. Ma ora la Virtus Romanina vuole sottolineare quella che, a suo modo di vedere, è un'ingiustizia che l'ha colpita, che ha investito anche un suo talentuoso giocatore della Juniores, Tiziano Biasini, e che soprattutto potrebbe riguardare chiunque. I fatti: al termine della turbolenta gara di campionato disputata ad Ariccia contro l'Innova Carlisport, secondo il referto dell'arbitro Biasini avrebbe sputato addosso al direttore di gara. Un gesto ripugnante, terribile, vigliacco: probabilmente il peggiore che si possa vedere su un campo di calcio. E puntuale è arrivata la squalifica: una stangata di cinque mesi che, di fatto, compromette la stagione del ragazzo. "Peccato" che Biasini non abbia mai commesso quel gesto. «Lo sputo è partito dagli spalti - dice con forza il presidente Gianluca Di Vittorio -, purtroppo l'arbitro era di spalle e quando si è girato ha ritenuto che fosse stato il nostro Tiziano. Abbiamo fatto ricorso alla Commissione disciplinare, ma è stato respinto. Abbiamo parlato anche col delegato del Comitato per il calcio a 5, Pietro Colantuoni, e poi col presidente del comitato regionale Melchiorre Zarelli. Non c'è stato verso né di cancellare questa ingiustizia, né tantomeno di "ammorbidire" la sanzione. Il problema - continua Di Vittorio - è che il referto arbitrale è insindacabile e le società sono letteralmente impotenti. Possiamo portare prove video o testimonianze dell'innocenza del ragazzo, come avrebbero fatto anche dalla Carlisport, ma sarebbe tutto inutile: l'unica cosa che conta è quello che l'arbitro ha scritto nel referto e ha poi sostenuto, tra l'altro modificando la propria versione, davanti alla Commissione». L'ambiente della società capitolina è scosso da questa vicenda. «Noi abbiamo perso praticamente per una stagione un ragazzo su cui puntavamo tantissimo e quindi abbiamo un danno economico e tecnico da questa faccenda - continua Di Vittorio -, ma quello che è peggio è che non sappiamo cosa dire ad un ragazzo, tra l'altro nel giro delle Rappresentative regionali, che è stato profondamente colpito da questa decisione e che ha pensato anche di smettere di giocare al calcio a 5».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento