rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Sport

Virtus Roma distratta e nervosa: Pesaro sbanca la Capitale

I romani sbandano ancora in campionato travolti dagli avversari e da una lunga serie di grane fuori dal campo. Urgono certezze per la proprietà e correttivi tecnici

La brutta settimana di Roma culmina con una sconfitta e una prestazione molto sofferta tra le mura amiche. Le continue indiscrezioni sui problemi societari e la notizia di un caso di positività al coronavirus (un componente dello staff tecnico) hanno agitato la vigilia di una gara che si è rivelata nervosa e piena di strappi. 

Al roster manca ancora un sostituto del lungodegente Chris Evans e un ala/centro che possa fornire delle alternative in rotazione. La truppa di coach Bucchi in questo momento è troppo corta per resistere contro le altre protagoniste della massima serie e incapace di fronteggiare una fisiologica quantità di piccoli infortuni. Sugli scudi nuovamente capitan Tommaso Baldasso e un Beane che comincia ad entrare nei meccanismi di squadra e mostrare sue le qualità di realizzatore puro. La chimica di gioco in ogni caso è ancora molto indietro rispetto alle attese. 

esaro conquista la seconda vittoria stagionale e mette in mostra una profondità più che discreta per una squadra che punta in prima istanza alla semplice salvezza. Gli ospiti hanno costruito questa affermazione grazie al controllo del pitturato e alla freschezza maggiore dei suoi esterni capaci di forzare numerose palle perse dei romani nella prima fase della sfida. Gerald Robinson ha offerto ancora una prestazione in chiaroscuro a dispetto dei buoni numeri accumulati a referto, molto sottotono anche Dario Hunt (0 rimbalzi) che non ha retto l'impatto contro la fisicità della frontline avversaria. Evanescente anche Wilson.

Tyler Cain ha fatto la differenza per la Carpegna e ha segnato tutti i canestri più importanti nei momenti migliori della Virtus. La partita è stata segnata da parziali molto atipici e già nel primo quarto Roma ha dovuto fare i conti con uno svantaggio in doppia cifra ricucito con grande esborso di energia. Al principio del secondo tempo una fuga di Pesaro (22-37) ha lasciato presagire i titoli di coda ma un nuovo recupero dei locali ha ristabilito l’equilibrio (62-67) a 5 minuti dal termine con gli avversari ormai deconcentrati. Un fuoco di paglia perché un mortifero 7-17 nelle ultime battute ha definitivamente archiviato la partita e la quarta sconfitta di fila per i capitolini. La classifica adesso preoccupa.

Virtus Roma – Carpegna Prosciutto Pesaro 69-84 (14-18; 32-40; 49-63)
Virtus Roma: Hadzic 3, Biordi ne, Beane 16, Campogrande 5, Baldasso 17, Cervi 2, Telesca ne, Hunt 6, Robinson 14, Farley ne, Wilson 6. All. Bucchi.
Carpegna Prosciutto Pesaro: Drell ne, Massenat 17, Filloy 7, Cain 16, Robinson 16, Tambone 2, Mujakovic ne, Basso, Serpilli ne, Filipovity 11, Zanotti 3, Delfino 12. All. Repesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Virtus Roma distratta e nervosa: Pesaro sbanca la Capitale

RomaToday è in caricamento