Virtus Divino Amore calcio, Bayslach non si sbilancia: “Niente proclami"

"Parlerà il campo”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Roma – E’ stato uno dei primissimi a “sposare” il progetto della Virtus Divino Amore, quando ancora il ripescaggio in Prima categoria non era ufficiale. E il club capitolino conta sul suo talento e sui suoi gol per sognare in grande in questa stagione. Lorenzo Bayslach, attaccante classe 1993 che nella passata annata ha realizzato 31 reti (29 in campionato e due in Coppa Lazio) con la maglia del Colle Oppio, è pronto per l’esordio in campionato e con lui tutta la squadra. “Siamo un gruppo molto rinnovato e per questo abbiamo dovuto lavorare molto sull’amalgama. Nelle primissime amichevoli abbiamo faticato un po’, ma poi ne abbiamo fatte alcune positive come quelle con Fonte Meravigliosa, Duepigreco, con la serie D del Pomezia (sconfitta onorevole per 2-0 la scorsa settimana, ndr) e l’ultima con la Seconda categoria dell’Arco di Travertino che abbiamo battuto per 5-2 con le doppiette mia e di Tovalieri e il gol di Cimini”. Insomma Bayslach comincia ad “affilare gli artigli” e ad affinare l’intesa col “Cobretto” Tovalieri per una coppia d’attacco che s’annuncia esplosiva. “L’anno scorso ci contendemmo il titolo di cannoniere, ora siamo diventati molto amici anche fuori dal campo. E credo che tecnicamente le nostre caratteristiche si integrino alla perfezione. Certo, sarà dura fare 30 gol a testa, ma la cosa più importante sarà riuscire a conquistare un risultato di squadra”. Bayslach, però, non vuole fare proclami: “E’ sempre il campo che parla, inutile sbilanciarsi prima. La società ha allestito un organico importante, ma vedremo come andranno le cose nei fatti”. L’esordio è in programma domenica al “Millevoi” contro il Real Velletri. “Una squadra sempre ostica e molto fisica, non sarà una partita facile. Ma è chiaro che ci teniamo a iniziare col piede giusto, la prima partita è fondamentale anche per cominciare a capire il valore di questa squadra”. In chiusura l’attaccante parla del rapporto con la coppia di tecnici composta da Petruzzi e Fagiolo. “L’impatto è stato sicuramente positivo: hanno scelto al momento un modulo che mi fa partire da un po’ più lontano, ma non ho nessun problema ad adattarmi. Conta solo il risultato di squadra” conclude Bayslach.

Torna su
RomaToday è in caricamento