Roma, cori anti-Lazio e scontri nel minuto di silenzio per la Chapecoense

Durante il minuto di silenzio, i 500 ultrà romanisti hanno intonato cori contro i cugini biancocelesti. Poi gli scontri con steward e polizia all'interno dello stadio

Una immagine di repertorio dei tifosi della Roma all'Olimpico: foto Ansa

Brutto episodio a Bucarest. Durante il minuto di raccoglimento prima di Astra Giurgiu-Roma, in memoria delle vittime del disastro aereo colombiano che ha visto la scomparsa, fra gli altri, anche dei giocatori della Chapecoense, gli ultrà della Roma hanno 'sfregiato' il solenne ricordo con cori beceri anti-Lazio e scontri sedati poi da steaward e polizia.

Dal settore riservato agli ospiti, si sono levati cori contro i biancocelesti che hanno provocato la reazione da parte dei tifosi locali con una pioggia di fischi. Ma non è finita qui. Qualche minuto dopo, sono scoppiati anche tafferugli all'interno dello stadio con gli ultrà romanisti ancora protagonisti.

Gli steward usano anche lo spray urticante per allontanare i tifosi italiani. Mentre succedeva tutto questo, un tifoso romeno poi arrestato ha invaso il campo e ha raggiunto il settore ospiti dove ha rubato uno striscione. Dopo gli scontri di Bergamo, adesso una vergogna internazionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

Torna su
RomaToday è in caricamento