Sport

La Roma contro i cinguettii: calciatori richiamati per l'uso di twitter

La società giallorossa redarguisce alcuni tesserati a causa di commenti "a sproposito" in particolare su Twitter. Nel mirino Kjaer e Jose Angel. Anche Bojan redarguito

La Roma si scaglia contro i social-network e più precisamente contro l'utilizzo "spropositato" da parte di alcuni giocatori. E' risaputo l'interesse di tanti calciatori (non solo della Roma) verso le varie reti web ma alle volte i commenti "postati" appaiono fuori luogo distaccandosi dalle linee societarie.

A tal proposito la società giallorossa è intervenuta dopo alcune dichiarazioni scritte sul web da suoi tesserati. Il richiamo è avvenuto dopo un post pubblicato su Twitter da parte del danese Kjaer all'indomani della sconfitta di lunedì a Siena;  "Mi sento truffato, il rigore non c'era", aveva scritto Kjaer sulla sua pagina, proseguendo "Destro si è tuffato". (twitter.com/simonkjaer1989). Questo "post" ha causato l'intervento della società che,  precisando di non voler parlare assolutamente degli arbitraggi, ha invitato i tesserati ad un uso non "esagerato" dei vari social network.

Ieri anche l'altro difensore Jose Angel si è espresso sulla rete, e tramite Facebook si è lamentato delle condizioni del terreno di gioco trovate a Siena: " la squadra ha cercato di adattarsi in maniera migliore al campo di Siena,duro e non favorevole al nostro gioco" ; commento che non ha fatto risparmiare commenti pesanti da parte di tanti tifosi (facebook.com/pages/Jose-Angel-Valdes).

Altro giocatore romanista appassionato delle reti sociali è lo spagnolo Bojan (sulla sua pagina Twitter conta oltre 130 mila seguaci), che stavolta è finito nel mirino di mister Luis Enrique (anche lui seguitissimo su Twitter) non per particolari commenti sul web ma per le sue frequenti uscite notturne.  

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Roma contro i cinguettii: calciatori richiamati per l'uso di twitter

RomaToday è in caricamento