Ss Torre Angela Acds calcio, Di Bartolomeo: "Nel nuovo anno vogliamo risalire"

I ragazzi di mister Daniele Polletta hanno pagato dazio nella trasferta contro i Monti Cimini

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Roma – Si è concluso in anticipo il 2018 calcistico (ufficiale) della Juniores regionale C del Torre Angela Acds. I ragazzi di mister Daniele Polletta hanno pagato dazio nella tremenda (logisticamente parlando) trasferta contro i Monti Cimini che si sono imposti per 2-0, tarpando le ali ad una squadra capitolina che voleva provare a fare lo “scatto in avanti” dopo il successo con la Castelnuovese. «E’ stata una partita quasi ingiudicabile – commenta il difensore esterno destro classe 2001 Gabriele Di Bartolomeo – Si è giocato su un campo praticamente impossibile, reso estremamente fangoso dalle piogge dei giorni precedenti. Facevamo fatica a stare in piedi e dunque era difficile vedere una buona prestazione. Inoltre siamo andati lì con diverse assenze e uno solo dei nuovi arrivati, vale a dire Consoli, si è aggregato al gruppo. Nel secondo tempo abbiamo provato a fare qualcosa di più, creando alcune occasioni soprattutto su palla inattiva, ma poi il gol del 2-0 ci ha tagliato le gambe e a quel punto la gara è andata in archivio». Di Bartolomeo comunque promette battaglia. «Purtroppo ora dovremo osservare un turno di riposo proprio nell’ultimo match ufficiale del 2018 e dunque torneremo a giocare in campionato solo nel nuovo anno. Ripartiremo più carichi che mai perché questa squadra vale di più dell’attuale classifica». Anche l’esterno difensivo è uno dei tanti ex Borussia del gruppo. «Qui ho ritrovato diversi miei ex compagni, ma anche con gli altri ragazzi è nato un buon feeling e il gruppo è unito. Dobbiamo cercare di essere meno nervosi e più lucidi durante le partite». Di Bartolomeo parla anche del rapporto con mister Polletta. «Sicuramente splendido. E’ una persona che si fa rispettare, ma che al tempo stesso riesce sempre a trovare un dialogo col gruppo. Io lo avevo già conosciuto al Borussia quando lui allenava il gruppo dei 2000: ogni tanto mi aveva convocato con la sua squadra e quest’anno l’ho ritrovato con piacere in questa nuova avventura al Torre Angela».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento