Santa Maria delle Mole calcio, Barbaria: “Annata stregata"

"Ripartiremo di slancio”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Marino (Rm) – Il Santa Maria delle Mole ha salutato ufficialmente il campionato di Promozione 2020-21 dopo poche partite ufficiali. Un’avventura iniziata in modo un po’ zoppicante e interrotta dal blocco dei campionati: “La nostra stagione, cominciata con grande entusiasmo, è finita troppo presto – dice il presidente Claudio Barbaria – Ringrazio tutti i ragazzi e i componenti dello staff tecnico per l’impegno profuso fino al momento dell’interruzione. Assieme al direttore sportivo Roberto Spinetti ci siamo già messi al lavoro per provare ad essere protagonisti anche nella prossima stagione”. Il Santa Maria delle Mole, insomma, rilancia ed è pronto ad allestire una rosa di qualità così come è stato per la stagione 2020-21 cancellata dal Covid. A ulteriore conferma di questo, sono arrivati gli interessamenti di società di Eccellenza per alcuni ragazzi dell’organico bovillense: “Approfitto per fare un grande “in bocca al lupo” ai ragazzi che ci hanno chiesto di essere liberati per giocare gli ultimi mesi di stagione nella categoria superiore: Stufa, Babbucci e capitan Porcacchia si sono già accasati, d’altronde sapevamo molto bene che loro (come altri ragazzi dell’organico) potevano tranquillamente ben figurare in Eccellenza. In relazione a Porcacchia, però, ci resta difficile capire e soprattutto credere che il capitano della nostra squadra, il quale ha indossato con grande serietà e professionalità la nostra maglia da tre stagioni consecutive, sia “particolarmente legato alla W3”, come da ultime dichiarazioni rilasciate dalla dirigenza del club capitolino che lo aggregherà al suo organico per la ripartenza. Conoscendo e stimando l’uomo e il giocatore Danilo Porcacchia ci viene da pensare che forse avrebbe trattato l’argomento del suo trasferimento usando termini differenti, ma prendiamo atto e guardiamo avanti”.

Torna su
RomaToday è in caricamento