Roma, Nainggolan: "Possiamo vincere tre trofei"

Il belga al sito dell'Uefa: "Abbiamo un grande allenatore, sa esattamente cosa vuole dai giocatori. Dice sempre quello che gli passa in mente e credo che la squadra stia facendo un grande lavoro"

"La Roma può vincere tre trofei". Parola di Radja Nainggolan che si confessa al sito dell'Uefa. Il belga ha le idee chiare: "Siamo ancora in corsa in tre competizioni, possiamo ancora vincere tre trofei".

Non si tira indietro Nainggolan, protagonista assoluto della vittoria della Roma domenica sera a San Siro, intervistato da Uefa.com dove esalta l'operato di Luciano Spalletti: "Abbiamo un grande allenatore, sa esattamente cosa vuole dai giocatori. Dice sempre quello che gli passa in mente e credo che la squadra stia facendo un grande lavoro seguendolo su tutto quello che ci dice. Se giochiamo il nostro calcio possiamo battere chiunque".  

"Siamo in un ottimo momento di forma e dobbiamo cercare di continuare così - spiega il centrocampista belga al sito dell'Uefa che gli ha dedicato la copertina - Sono felice di come sto giocando e di come sta giocando la squadra. Io ringrazio sempre i miei compagni, per me l'importante è che vinca la squadra".

Gli obiettivi stagionali? "Siamo ancora in corsa in tre competizioni, possiamo ancora vincere tre trofei - dice senza nascondersi il centrocampista giallorosso - In questo momento siamo concentrati sul campionato. Favoriti in Coppa? Onestamente essere favoriti è sempre difficile, c'è maggiore pressione. Però siamo un'ottima squadra e dobbiamo avere certezze sulla nostra qualità".

Se avesse potuto scegliere Nainggolan avrebbe però preferito evitare il Lione negli ottavi dell'Europa League: "Il sorteggio non è stato fortunato - risponde - perché potevamo affrontare squadre meno forti. Ma alla fine, se non incontri una squadra forte in questo turno, poi ti tocca in quello successivo, quindi non cambia molto. Devi battere tutte per sollevare il trofeo ed è quello che cercheremo di fare".

Due parole anche su Edin Dzeko, altro grande protagonista della stagione giallorossa: "Nessuno aveva dubbi su di lui. L'anno scorso non segnava come quest'anno. Giocare in Italia non è facile, ma tutti sapevamo di avere a disposizione un grande attaccante, anche se l'anno scorso non è stato fortunato e non aveva svolto la preparazione al meglio, quello è stato il suo più grande problema. Edin è importantissimo per noi, sa tenere la palla, è bravo tecnicamente, scambia bene il pallone. Sì, è l'attaccante completo e sono felice di giocare con lui. Abbiamo tanti giocatori importanti in squadra e Dzeko è certamente uno di loro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

Torna su
RomaToday è in caricamento