Ufficiale: Roma-Lazio di Coppa Italia si giocherà alle 18

La decisione è stata condivisa da prefetto, Lega, Rai, Coni, Roma e Lazio ed è ufficiale

La finale di Coppa Italia tra Roma e Lazio si giocherà nel tardo pomeriggio di domenica 26 maggio con inizio alle 18. La decisione è stata condivisa da prefetto, Lega, Rai, Coni, Roma e Lazio ed è ufficiale. Nella sala del presidente del Coni, Giovanni Malagò, si sono riuniti il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, il presidente della Lega, Maurizio Beretta, col dg Brunelli, il numero uno della Lazio, Claudio Lotito, il responsabile organizzativo della Roma, Antonio Tempestilli (assieme al responsabile della biglietteria giallorossa Carlo Feliziani), e per la Rai il direttore generale Luigi Gubitosi. La scelta di anticipare l'orario è dettata da esigenze di ordine pubblico. 

IL CONI - "L'orario migliore è stato confermato. Si gioca il 26 maggio alle ore 18. Oggi voglio ringraziare tutti. Abbiamo accettato l'invito del Prefetto che ha dimostrato sensibilità particolarissima al tema. È la prova del nove. Vanno trasmessi messaggi positivi, non ci si può permettere di sbagliare nulla dentro e fuori lo stadio. Non ci saranno più margini di attenuanti, è inequivocabile". Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ufficializzando l'orario del derby di finale di Coppa Italia tra Roma e Lazio. 

"Stiamo studiando manifestazioni con personaggi e testimonial di Roma e Lazio per far vedere che deve essere una festa. Se qualcuno vuole rovinarla rischia di far pagare un prezzo altissimo alla Roma e alla Lazio", ha aggiunto Malagò dopo la riunione che si è tenuta stamane al Coni. 

IL PREFETTO - "Speriamo vada tutto bene, anzi ne siamo certi". È la convinzione del prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, in vista del derby in finale di Coppa Italia. "Mi auguro che nessuno esca da casa per andare allo stadio con l'accetta - ha poi aggiunto il prefetto nel corso della conferenza stampa tenuta al Coni al termine della riunione - Altrimenti la Lega e le istituzioni di questa città dovranno intervenire, ma non ce lo auguriamo per lo sport romano e per la città di Roma". 

"Spero che il segnale che stiamo dando venga raccolto dalle tifoserie. Noi metteremo in campo tutti gli uomini possibili per garantire la sicurezza. È necessario in questo momento che le istituzioni statali e sportive dialoghino tra di loro - ha ricordato Pecoraro - bisogna rasserenare gli animi dopo quanto successo nel derby di qualche settimana fa. In questo momento era necessario far lavorare gli operatori di polizia in serenità e la scelta di anticipare l'orario sarà utile per l'afflusso e per il deflusso degli spettatori".

CLAUDIO LOTITO - "Si è lavorato per l'interesse supremo dello sport. Faccio un appello ai miei tifosi: come tutte le istituzioni hanno trovato un punto di incontro, chiedo ai miei tifosi di avere un comportamento all'insegna delle correttezza, del rispetto delle regole e della legalità, bisogna essere avversari in campo ma amici nella vita e dopo la gara dobbiamo abbracciarci". È questo l'appello del presidente della Lazio, Claudio Lotito.

"È la prima volta nella storia del calcio italiano che Roma e Lazio si contendono un trofeo, dobbiamo considerarlo un punto di riferimento per i giovani e il rilancio dello sport della città. Siamo sotto osservazione a livello internazionale -aggiunge Lotito-. Questo nostro comportamento diventerà l'emblema di Roma. La società farà opera di prevenzione e sensibilizzazione verso le tifoserie più accese. La tifoseria sana ha l'interesse che tutto vada bene".

IL SINDACO - "Abbiamo condiviso la decisione delle autorità sportive e di pubblica sicurezza di far svolgere il derby di Coppa Italia tra Roma e Lazio il 26 maggio alle ore 18. Era l'unica scelta possibile per contemperare le esigenze fra tifoserie, diritti televisivi e ordine pubblico". Lo dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sarà una giornata particolare anche per la concomitanza con le elezioni comunali: per questo deve esserci lo sforzo di tutti, delle istituzioni, delle squadre e delle tifoserie, per rendere questo evento un grande festa dello sport a Roma. Abbiamo rigettato fin da subito qualsiasi ipotesi di spostamento della sede dell'incontro o altre iniziative di carattere repressivo perchè sarebbero state soluzioni inaccettabili e punitive sia per la città che per i tifosi. Adesso, a questo grande atto di responsabilità e di fiducia, sappiano rispondere positivamente il mondo dello sport e del tifo calcistico", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento