Mercoledì, 28 Luglio 2021
Sport

Derby, Roma è giallorossa: un gol di Simplicio piega la Lazio

Nel primo tempo la Lazio gioca meglio ma non finalizza. Nella ripresa i rigori di Borriello e Hernanes anticipano il gol decisivo di Simplicio. Roma ai quarti, Lazio eliminata

Il Derby della Legalità: era stato presentato così questo 17esimo derby di Coppa Italia. Un pre partita decisamente poco all'insegna della legalità però. Un ragazzo tra i 15-16 anni è stato accoltellato e poco prima della partita è stato tentato un assalto al pullman della SS Lazio nei pressi del ponte Duca D’Aosta. Un sasso lanciato da alcuni facinorosi ha scheggiato un finestrino del pullman, ferendo all’occhio destro lo storico Team Manager laziale Maurizio Manzini. Le condizioni di Manzini non sembrano preoccupanti e infatti dopo essere stato medicato lo storico Team Manager si è accomodato in panchina.

FORMAZIONI - Dopo la cronaca, occupiamoci però del terreno di gioco. Roma abbottonata conn Burdisso, Juan, Mexes e Riise in difesa. Greco a cetrocampo e l'attacco pesante formato da Borriello e Adriano. Lazio con l'uomo del momento Libor Kozak avanti a far coppia con Zarate. In mediana primo derby romano per 'El tata' Gonzalez. Prima stracittadina anche per il portiere di Coppa, Tommaso Berni.

PRIMO TEMPO - Lazio aggressiva e dinamica nei primi 10 minuti. I ragazzi di Reja si affacciano dalle parti di Julio Sergio ma il portiere brasiliano non corre pericoli. Il numero 27 giallorosso però fa venire i brividi alla Sud sbagliando il rinvio ma Kozak non ne approfitta. Problemi fin da subito per Adriano che, dopo aver preso una botta, rientra in campo con un tutore sulla spalla destra. La Roma è più tecnica e fisica, la Lazio però è tosta e quadrata e la partita è molto intensa. Al 18', da calcio d'angolo, Gonzalez anticipa tutti ma Julio Sergio blocca allungandosi. Due minuti dopo è il laziale Radu che si guadagna il primo giallo del match. Brutto l'intervento del romeno che fa scaturire le veementi proteste di De Rossi. Al 21' Brocchi crossa e taglia l'aria per l'inserimento di Kozak che ti anca anticipa Juan ma Julio Sergio è reattivo e salva la Roma. Meglio la Lazio, anche Reja in panchina è una furia. Il tecnico friulano striglia spesso Zarate reo di tenere troppo il pallone. La Roma, d'altro campo, fa fatica ad impostare. Il rombo di centrocampo funziona a fasi alterne con Simplicio e Greco che sostengono poco la manovra. Alla mezzora intervento in netto ritardo di Daniele De Rossi su Gonzalez. Bergonzi non ci pensa su e ammonisce il nervoso centrocampista di Ostia. I giallorossi faticano a ingranare come fatica Reja a farsi capire da Zarate. I due battibeccano spesso e l'argentino sembra più egoista del solito. Nel finale del primo tempo la verve dei biancocelesti diminuisce e la Roma gestisce meglio il ritmo. L'ultimo brivido è al 46' con una potente punizione di Hernanes dai 30 metri bloccata in due tempi da Julio Sergio. La prima frazione si chiude così sullo 0 a 0: pochi tiri e molti errori.

SECONDO TEMPO - Doppia sostituzione nella Roma in avvio di ripresa: escono Greco e Adriano, entrano Menez e Vucinic. Il cambio porta a risultati fin da subito. E' un'altra squadra quella giallorossa in questo frangente di gara. Dopo il 50' si infiamma il Derby. Al 52' incursione di Riise che cross di prima e mani di Lichtsteiner: non ci sono dubbi, rigore per la Roma. Dal dischetto va Borriello che spiazza Berni. Vantaggio giallorosso sotto la Sud. Passano 4 minuti e la Lazio reagisce. Azione in percussione dei biancocelesti, la palla arriva Zarate che anticipa Juan ma va giù. Anche in questo caso pochi dubbi è rigore. Ammonito Juan, ma la panchina laziale chiede il rosso. Dal dischetto va Hernanes. Stesso copione, portiere battuto e pareggio sotto la Nord. Adrenalina alle stelle ora all'Olimpico. Al 61' Kozak va in gol ma l'azione viene annullata per fuorigioco netto. Cinque minuti dopo occasione potenziale per la Lazio. Cross di Hernanes ciccato clamorosamente da Kozak in area di rigore. Mormora la Nord. La Lazio appare più organizzata, mentre la Roma si appoggia di più alle iniziative dei singoli. Al 74' Reja sostituisce il generoso Kozak e inserisce Floccari. Buona la prova del lungo centravanti ceco. Al 76 altra svolta del match: Menez porta a scuola mezza Lazio, irrompe Radu che leva la sfera al francese. Azione finita? Macché. Dal nulla arriva Simplicio che scippa la palla al romeno e fredda Berni: 2 a 1 Roma. Esplode la Sud. A rimettere le cose apposto ci pensa il neo entrato Floccari, ma la sua girata termina a lato di poco. La partita ora è veloce. Ci prova Vucinic a chiudere i conti ma Berni dice no. Menez è indemoniato e per fermarlo, i difensori della Lazio, sono costretti a togliere lo scarpino al francese. Reja le prova tutte: fuori Brocchi e Gonzalez, dentro Mauri e Breciano. La Lazio non molla e ci prova fino all'ultimo. Mauri in verticale per Zarate, Julio Sergio abbandona la porta. L'argentino mette in mezzo, Mexes in qualche modo sbroglia la matassa. Due minuti al 90'. Ci prova anche Bresciano da fuori ma l'australiano non è fortunato. Basta così. Quarto derby consecutivo vinto dalla Roma. Terza sconfitta consecutiva per Reja contro la Roma da quando è sulla panchina della Lazio. Per la nona volta la Roma gioca il derby senza Totti e ancora una volta esce da imbattuta. Ai quarti per la Roma c'è la Juventus.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Derby, Roma è giallorossa: un gol di Simplicio piega la Lazio

RomaToday è in caricamento