Sport

Roma, Baldini: "Rinnovo di De Rossi è una priorità"

Il rinnovo di Daniele De Rossi è la "priorità", il nuovo stadio "una esigenza" e una "strada che bisogna percorrere" per fare il salto di qualità. Un problema da risolvere? "I biglietti gratis"

Franco Baldini ritorna a Roma e, dopo il rinvio per nubifragio della conferenza stampa oggi si ripresenza nella capitale per la seconda volta con le idee chiare. Il nuovo direttore generale giallorosso, dopo le esperienze in Spagna e Inghilterra, è pronto a rimettersi in gioco nella capitale che aveva lasciato sei anni fa. Nessuna rivincita, assicura nella prima conferenza stampa a Trigoria, perchè significherebbe aver perso prima qualcosa. "A Roma ho avuto un amore sconfinato da parte della gente, perchè rappresentavo certe battaglie con il presidente Sensi, perchè abbiamo vinto lo scudetto", racconta Baldini. Allora perchè tornare? "Ho cercato una risposta ma non l'ho ancora trovata, ho detto sì e basta. Quando ho parlato con DiBenedetto gli ho detto che non c'è una ragione per cui debba lasciare la qualità della vita di Londra, e un lavoro che mi lascia tanto tempo libero, per tornare in un posto dove c'è il tutti contro tutti. E gli ho detto di sì...". "Con Francesco Totti, sono bastati cinque minuti per chiarirci. Il nostro è un rapporto semplice, non può essere altrimenti con lui. In realtà -prosegue il dg della Roma- non c'era un granchè da spiegare. La prima cosa che gli ho detto è stata: 'Ma lo hai letto bene l'articolo o te lo sei fatto leggere?'. Io in quelle poche parole ci vedo più amore che una critica. Se dico a un giocatore di 35 anni che può giocare altri 4-5 anni corro addirittura il rischio di essere querelato per diffamazione. Io sono da sempre attratto dal talento di Francesco e ho solo precisato che può farlo (giocare ancora a lungo, ndr) se smette di lasciarsi usare: in questo senso lui è stato pigro", precisa Baldini. Archiviato il caso Totti, resta da risolvere il nodo legato al futuro di De Rossi, per tutti 'Capitan futuro'.

"Il rinnovo di Daniele De Rossi è una priorità, una materia molto importante. - dice Baldini - Ho parlato con Daniele dieci minuti, anche se l'interlocutore per il contratto è il suo procuratore. L'ho trovato molto sereno e maturo, gli ho detto che se ha solo la metà della voglia che ha la società di tenerlo, non importa quanto ci metteremo ma il contratto lo faremo. Lui sembrava piuttosto orientato a trovare un accordo per restare", spiega. Nessun dubbio sulla serietà del progetto americano: "Quando ho incontrato Pallotta a Londra gli ho subito chiesto se volevano speculare con la Roma e lui mi ha risposto che, per le loro origini, vorrebbero legare il loro nome a qualcosa di bello nel calcio italiano. Per loro è sorprendente che in Italia non ci siano stadi di proprietà. Lo stadio è un'esigenza, è la strada che bisogna percorrere. Sono sicuro che ce la faremo, anche se non so quanto ci vorrà". Baldini c'è e ritrova la sua Roma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, Baldini: "Rinnovo di De Rossi è una priorità"

RomaToday è in caricamento