menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nella foto Casella contro Brito

Nella foto Casella contro Brito

Boxe, finiti i campionati italiani. La Capitale trionfa con il “Magnificent” Casella

Gabriele Casella, dopo le vittorie ottenute in altri sport da combattimento, si toglie la soddisfazione di un titolo tricolore. E’ il campione italiano nella categoria dei 91 kg

Si sono conclusi domenica 15 dicembre i cinque giorni di pugilato più attesi nel panorama dilettantistico. Al PalaSantoro di via Vertumno, 192 atleti, tra cui 62 donne, si sono dati battaglia per i Campionati italiani assoluti.

I Campionati italiani assoluti

Il palazzetto dello sport di Casal Bruciato si è trasformato in un tempio del pugilato che è divenuto anche una passerella imporante. Al PalaSantoro si sono visti Deontay Wilder, imbattuto campione mondiale dei pesi massimi per il titolo WBC. Giovanni De Carolis, già detentore mondiale della cintura WBA dei SuperMedi e Roberto Federici, il Tyson di Corcolle, attualmente al numero 33 della classifica mondiale WBC. Tra questi campioni affermati, c'è anche qualcuno che ha contribuito a portare lustro a Roma.  La 97esima edizione dei campionati Elite Maschili, ha infatti visto affermarsi, nella categoria dei 91 km, “il Magnificent” Gabriele Casella.

Un fighter completo

Il pugile romano, allenato da Simone D’Alessandri della Phoenix Gym, ha permesso alla Capitale di restare protagonista, dopo i recenti successi nel professionismo, anche a livello dilettantistico. A lui, che vanta un curriculum di tutto rispetto sul piano atletico, va un riconoscimento importante. Soprattutto in vista dei prossimi giochi di Tokyo.

Il ritorno al pugilato

 “Gabriele Casella - ha commentato Adrio Zannoni, il presidente della Federazione Pugilistica del Lazio - festeggia un meritato tricolore perché ha avuto il coraggio di gettare alle ortiche i suoi record mondiali negli altri sport da combattimento per dedicarsi con umiltà alla boxe, rimettendosi in gioco senza rete e riuscendo in un’impresa impossibile”.

Roma e le Olimpiadi

“Sono contento di aver vinto questo titolo  proprio in occasione del ritorno di questa prestigiosa rassegna nazionale a Roma, dopo l’ultima edizione del 2012, la novantesima, che vide il nono oro di Roberto Cammarelle, atleta di grande rilievo che assieme a Clemente Russo ha tracciato strade importanti per la nostra disciplina” ha ricordato il neocampione. Cammarelle, subito dopo la vittoria del titolo italiano, si è andato a prendere la medaglia d'argento alle Olimpiadi di Londra. Che sia di buon auspicio per la prossima edizione di Tokyo? Intanto il pugile romano può godersi l'ottimo risultato appena conseguito.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento